Logo del sito Scienze Noetiche

Home “HOLOS” “SYNTHESIS” Sito “Sviluppo Integrale” Youtube Apri una pagina a caso Disclaimer

Vai al Portale dello Sviluppo Integrale

HOLOS 6
«Riprogrammazione della Mente - Parte 2»


TECNICHE E METODI DI RIPROGRAMMAZIONE

Voglio chiarire subito un frequente punto di fraintendimento: quando si parla di "riprogrammazione mentale" non si fa riferimento solo alla mente razionale, che prende comunque parte al processo e contribuisce al cambiamento delle credenze, ma si fa riferimento soprattutto ad una riprogrammazione della mente inconscia. Se una riprogrammazione non tocca gli strati profondi della psiche non solo non è efficace, ma a volte può generare ulteriore stress! Chi, ad esempio, si riferisce ai principi del "Pensiero Positivo" come ad una doratura superficiale applicata sopra ad una spazzatura che rimane non trattata, fa solo riferimento ad un processo mal compreso o mal applicato.

Dal mio punto di vista una corretta riprogrammazione non può prescindere da una accurata e profonda pulizia delle memorie emozionale, purtroppo questo passaggio viene a volte saltato in libri o film che trattano l'argomento. Inoltre, sebbene si possa fare già molto da soli è quasi impossibile evitare l'aiuto di un professionista del Benessere che ci supporti. Un aiuto professionale non deve in nessun caso essere visto come un'affermazione di debolezza, ma piuttosto come una dimostrazione di maturità! A seconda della gravità del problema, ci si può rivolgere a Medici o Psicologi, Consulenti di Nuova Medicina, Counselor, Operatori Olistici, ecc. Anche nel caso della scelta di un approccio psicoterapeutico non dobbiamo necessariamente pensare a terapie interminabili e molto costose;la Terapia Centrata sulla Soluzione e la Terapia Breve Strategica sono approcci efficaci, riconosciuti internazionalmente, che permettono lo sblocco di una patologia spesso entro le 20 sedute (nel caso della Terapia Breve Strategica, fondata da Paul Watzlawick e Giorgio Nardone, la durata media è di 7 sedute, con follow-up in genere a 3 mesi, 6 mesi ed un anno per assicurarsi della stabilizzazione dei risultati).

Le metodiche di seguito presentate possono essere autogestite, nel caso però in cui tu percepissi il problema da trattare come particolarmente opprimente o se non dovessi ottenere risultati efficaci e duraturi, allora rivolgiti subito ad un terapeuta di fiducia!

A. AFFERMAZIONI POSITIVE

Le Affermazioni Positive sono uno strumento utilissimo per trasformare le nostre credenze, SE correttamente applicate. Ogni parola e frase che pronunciamo è connessa ad uno schema di pensiero che la origina (schema mentale >> frase utilizzata) ma quando fecondiamo, consapevolmente e reiteratamente, la nostra mente subconscia con una o più affermazioni positive, ecco che gli schemi mentali poco a poco cambiano (frase utilizzata >> schema mentale), dando così origine ad una diversa realtà. In pratica un concetto frequentemente e consapevolmente ripetuto è in grado di influenzare i nostri schemi di pensiero.

Affermazioni Positive

Un esempio di Affermazione Positiva, da ripetere quotidianamente

Oltre ad assicurarsi di aver costruito correttamente la frase è indispensabile essere certi che la frase che vogliamo utilizzare ci corrisponda intimamente. Il modo migliore per valutarlo è esposto nel brano seguente (tratto da qui):

"Mentre ripeti mentalmente la tua affermazione, nota quali emozioni e sensazioni fisiche suscita in te: ti fa sentire più calmo, più rilassato, più sollevato, più motivato, più fiducioso, più entusiasta? In altre parole, ripetere mentalmente la tua affermazione positiva suscita in te emozioni e reazioni fisiche piacevoli, positive? Se così fosse, l'affermazione funziona; è quella giusta per te. Al contrario, se quando ripeti mentalmente un'affermazione, la tua reazione emotiva fosse neutra, blanda o, peggio ancora, di disagio, significa che nonostante sia formulata secondo le regole, l'affermazione positiva non è quella giusta per te. Non importa quanto un'affermazione positiva sia formulata correttamente, se quando la ripeti mentalmente non suscita reazioni positive, ma blande o addirittura di disagio, significa che il subconscio non l'ha accettata e quindi non funzionerà."

Più un'affermazione positiva è ben fatta e migliore sarà il risultato. Le regole principali da seguire sono le seguenti:

Per identificare l'ambito in cui sono maggiormente presenti delle dichiarazioni limitanti (o "pensieri negativi") è sufficiente osservare come si svolge la tua esistenza e valutare quale ambito di vita risulta fortemente insoddisfacente. Lì si annidano sicuramente dei blocchi emozionali e dei limiti del tuo sistema di credenze. Ecco anche qualche suggerimento pratico per portare a galla delle dichiarazioni limitanti a cui potresti non aver mai fatto caso:

  1. Stila, senza pensarci sopra troppo e soprattutto senza rileggere quello che hai scritto prima, una lista delle principali affermazioni che ti vengono in mente riguardo alla vita, a te stessa/o, al padre, alla madre, al lavoro, all'amore, alle amicizie, ai soldi e nota, rileggendole alla fine, dove sono i pensieri più negativi e limitanti.

  2. Ascolta chi é in grado di identificare le tue "dichiarazioni limitanti" da un punto di vista più esterno (un terapeuta di fiducia, le persone a te più vicine e - nota bene - i tuoi nemici, le persone con cui hai litigato, i compagni/compagne o i parenti più stretti quando si arrabbiamo nei tuoi confronti… anche se ti dà fastidio quello che dicono - o forse proprio per quello - c'è sempre una netta radice di verità). 3

  3. Poni attenzione al tuo modo di parlare ed in particolare fai attenzione alle frasi ripetitive che usi, ai modi di dire gergali e alle imprecazioni abituali. Lì si annida una nutrita fonte di vibrazioni negative che inquina la tua vita quotidianamente! Importante: ogni volta che cogli un modo di dire negativo, pensa mentalmente "Cancello!" (se puoi fai proprio un gesto con la mano come se cancellassi una lavagna) e riformula la frase in positivo.

Elenco di Affermazioni Positive

Come utilizzare le Affermazioni Positive

Le frasi possono essere ripetute come un mantra (cioè come una sorta di litania che ripetiamo decine o centinaia di volte al giorno), scritte ed attaccate sullo specchio del bagno e nei punti più in vista della casa, addirittura cantate! Uno dei metodi più efficaci è quello di scrivere l'affermazione che abbiamo scelto 21 volte X 7 giorni, possibilmente la sera prima di dormire (nel caso un giorno ci si scordi di scriverla… il calcolo dei sette giorni riparte da zero). Finiti i sette giorni si può iniziare una nuova frase, la stessa frase può anche essere ripresa in seguito se non bene assimilata. Per la cosiddetta dieta del perdono, utilissima in molte situazioni, l'affermazione viene invece scritta 70 volte X 7 giorni ed è sempre del tipo "Io perdono completamente (me stessa/o, oppure mio padre, mia madre, il mio compagno, la mia compagna, ecc…)".
Una precisazione: nella visione di Bert Hellinger, fondatore delle Costellazioni Familiari, i figli non dovrebbero mai perdonare i genitori perché essi vanno solo rispettati per come sono e perdonarli sarebbe un atto di presunzione ed arroganza; è possibile comunque interpretare l'atto del perdonare come un atto di pulizia emotiva per me stesso, proprio perché non ho alcun diritto di giudicare ed ho quindi bisogno di lasciar andare il giudizio che avevo messo. E' efficace proprio se non è un atto fatto dall'alto - con arroganza - ma dal basso - con umiltà.

All'inizio è sicuramente meglio iniziare a scrivere le frasi affermative e poi, nel tempo, è possibile arrivare a ripeterle solo mentalmente, magari utilizzando anche solo delle parole e non più delle frasi (ad es. "Abbondanza, Armonia, Riuscita" - "Luce, Amore, Consapevolezza" - "Salute, Ricchezza, Serenità"). Potremo rinnovare le nostre affermazioni ogni volta che sentiamo di voler affrontare una nuova tematica, ed è bene continuare a fare l'esercizio fino a che non sentiamo di aver bene integrato il contenuto del messaggio verbale (per affermazioni ripetute solo a voce spesso servono un minimo di tre mesi).

B. VISUALIZZAZIONI
(con immedesimazione emozionale)

Un'altra potentissima tecnica di riprogrammazione è costituita dalle visualizzazioni in cui ci immedesimiamo emozionalmente in quello che stiamo visualizzando. E' essenziale prendersi qualche minuto al giorno per calarci nelle situazioni di vita che desideriamo attrarre, percependo le esatte emozioni che vorremmo vivere una volta che tale situazione si sarà manifestata. Visualizzare senza collegarvi le emozioni è quasi inutile, il vero potere della sintonizzazione con la variante di vita desiderata sta proprio nelle emozioni vivide. Visualizzarsi nella miglior relazione affettiva possibile senza sentirsi felici o visualizzare la prosperità economica senza percepire una sensazione di potere e padronanza sulla materia, indica che c'è un tassello mancante. Anche chi ha scarse capacità di visualizzazione può imparare ad immedesimarsi nelle situazioni, magari sfruttando di più gli altri canali sensoriali (quali l'uditivo e il cinestesico, cioè la sensibilità corporea). Per approfondire l'argomento consiglio i seguenti libri: "Visualizzazione Creativa" di Shakti Gawain (Ed. L'Età dell'Acquario) e "La Visualizzazione - Immagini per dominare la realtà" di Ursula Markham (Ed. Xenia).

Visualizzare la prosperità economica

C. FECONDARE IL PROPRIO AMBIENTE

Allinearsi con la variante di vita desiderata e riprogrammare la propria mente per mantenersi su quella specifica frequenza, piuttosto che su frequenze di vita dove si manifestano gli insuccessi, è un processo paziente e graduale. Di grande aiuto è utilizzare immagini, oggetti, profumi che richiamano alla mente l'obiettivo scelto. Ad es. l'arredamento di casa, i quadri, i soprammobili sono allineati o meno a ciò che ti riproponi di ottenere? Prenditi il tempo per valutare attentamente tutto ciò che ti circonda e cerca di fecondare il tuo ambiente al meglio: appendi immagini che rimandano all'obiettivo, scrivi su dei fogli delle parole o frasi positive che richiamino la tua attenzione, usa uno sfondo del computer allineato al futuro che vuoi manifestare, ecc… Usa la creatività o fatti aiutare da persone creative che conosci. In un'unica bacheca (o in un foglio di cartoncino bristol) appendi tutte le immagini che significativamente sono in grado di rappresentare ogni aspetto della tua esistenza in positivo. Questo esercizio si chiama "Lavagna della Visione" ed è molto potente!

La lavagna della Visione

D. AZIONI FINALIZZATE

Non aspettare che le cose cadano dal cielo! Intraprendi delle azioni mirate per avvicinarti ai tuoi obiettivi e fai sì che tali azioni escano dal binario del conosciuto e del già praticato ("Se prendi la solita strada ti porterà nel solito posto!"). Ad es. se stai lavorando sulla prosperità economica comincia magari a studiare dei principi di economia e finanza e a gestire gli introiti mensili suddividendoli in più buste o conti, se stai lavorando sulla relazione di coppia potresti decidere di frequentare un corso per sciogliere i copioni delle dipendenze affettive, se stai lavorando sul tuo benessere personale potresti intraprendi tutti i giorni almeno un'azione che ti faccia stare bene e trascrivere il tutto in un diario, ecc… Studia tramite libri, dvd, corsi il tema che ti sta a cuore e confrontati con altre persone sullo stesso tema, tramite gruppi locali o forum e community online. Ribadisco ancora una volta, infine, come non sia sufficiente seminare un futuro positivo, ma sia indispensabile pulire il passato negativo, quale sia il modo che ritieni migliore per farlo (ved. il capitolo sulla "defusione emozionale").

E. RIPRECISARE LE MOTIVAZIONI

Una delle ragioni principali per cui le persone non vivono un'esistenza realizzata è che non sanno cosa vogliono veramente. Il tuo fine dovrebbe costituire qualcosa per cui, dice Zeland, "L'anima canta e la ragione si frega la mani soddisfatta", ma una volta definito è bene, periodicamente, chiedersi: "Perché faccio quello che sto facendo? Quali sono le motivazioni che mi stanno guidando nella realizzazione dei miei obiettivi?" Mettile giù per scritto e poi rileggi spesso, cambiandole se necessario.

Clicca qui per approfondire in un'intera sezione di libri connessi ai processi motivazionali.

 

 

Elenco lezioni del percorso Holos - Scienze Noetiche


Puoi Guarire la Tua Vita

Puoi Guarire la Tua Vita
Il libro principale di Louise Hay, in cui condivide la filosofia del pensiero positivo, di cui è diventata la massima ispiratrice mondiale.
Louise Hay
My Life Edizioni

 

 

La Biologia delle Credenze
Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula
Bruce H. Lipton
Macro Edizioni

 

 

Il Potere del Pensiero Positivo

Il Potere del Pensiero Positivo
Tutto quello che possiamo realizzare utilizzando al meglio le infinite facoltà della mente
Vera Peiffer
Armenia Edizioni

 

 

Visualizzazione creativa
Il potere dell'immaginazione per ottenere ciò che si desidera
Shakti Gawain
L'Età dell'Acquario Edizioni

 

 

DVD Tutta un'altra Vita
Videocorso per creare la Mappa della Visione
Lucia Giovannini, Nicola Riva
Ed. My Life

 

 

Mi Merito il meglio
Fai pace con te stesso e scegli di essere felice
Lucia Giovannini
Ed. Sperling & Kupfer

 

 

The Secret

The Secret
Il Segreto per aprire le porte della Ricchezza, della Salute e del Successo. Il libro che è stato scritto a supporto del film.
Rhonda Byrne
Macro Edizioni

 

 

La Legge dell'Attrazione
La visione del mondo e le rivelazioni all'origine di "The Secret".
Esther e Jerry Hicks
Tea Edizioni

 

 

La Legge dell'Attrazione e l'incredibile potere delle Emozioni
L'importanza delle Emozioni nella Legge d'Attrazione.
Esther e Jerry Hicks
Tea Edizioni

 

 

The Key
La chiave mancante alla Legge d'Attrazione, le tecniche suggerite da Joe Vitale per allinearsi a livello emozionale e sganciarsi dalle emozioni bloccanti.
Joe Vitale
Ed. Il Punto d'Incontro

 

 

Reality Transurfing - Il Proiettore
Un libro-agenda per mettere in pratica il Transurfing e scivolare tra le linee dello Spazio delle Varianti
Vadim Zeland
Macro Edizioni