Logo del sito Scienze Noetiche

Home “HOLOS” “SYNTHESIS” 240 Conferenze Raphael Percorso Online di Sviluppo Integrale Mailing-list Chi sono Disclaimer

DEFUSIONE EMOZIONALE
«Principi e Pratica della Floriterapia di Bach»

I FIORI DI BACH

[ 1 - Principi Generali ]  [ 2 - Elenco Completo dei Rimedi ]

« Semina un pensiero e raccogli un'azione. Semina un'azione e raccogli un’abitudine.
Semina un'abitudine e raccogli un carattere. Semina un carattere e raccogli un destino! »
Proverbio Cinese


Le emozioni bloccate che ancorano le credenze limitanti sono il più grosso ostacolo alla realizzazioni dei desideri dell'Anima tramite i processi noetici. Tra le varie tecniche (terapie) di defusione emozionale andiamo adesso a conoscere la Floriterapia di Bach e la Floriterapia Californiana.

Boccette di Fiori di Bach della casa madre

 

Che cosa sono i Fiori di Bach

I Fiori di Bach costituiscono un sistema terapeutico ideato e messo a punto dal medico inglese dr. Edward Bach (1886-1936); è composto da 37 essenze floreali e da un rimedio (rock water) ricavato dall'acqua di una fonte del Galles. Questi rimedi agiscono riequilibrando emozioni e stati d'animo, nel 1983 l'Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.) ha stilato un documento che ne riconosceva l'efficacia e che ne raccomandava l'uso. La validità di questi rimedi, che non presentano effetti collaterali, è stata comprovata da oltre settant'anni di sperimentazione ed utilizzo su esseri umani ed animali, con un bagaglio invidiabile di successi terapeutici. Bach stesso amava dire: "Attraverso i fiori le malattie si sciolgono lentamente come neve al sole".

Breve storia del dr. Bach Edward

Bach nasce in Inghilterra a Moseley, un piccolo paese nei pressi di Birmingham, il 24 settembre 1886, da genitori originari del Galles. A vent’anni si iscrive a Medicina all’Università di Birmingham, e termina gli studi a Londra, nel 1912. Inizia a lavorare prima come responsabile del pronto soccorso dell’Ospedale Universitario e poi apre un suo ambulatorio, ma sempre più si rende conto di come la cura convenzionale sia riduttiva e miri soprattutto alla scomparsa del sintomo, senza prestare attenzione al malato di per se stesso, inizia così la sua ricerca personale. All'età di trentuno anni gli venne diagnosticato un cancro in stadio ormai avanzato, ciò nonostante, Bach desiderava terminare le ricerche iniziate prima di morire, e si mise assiduamente al lavoro, trascorrendo quasi tutto il tempo rinchiuso nel suo laboratorio.

edward_bach.jpg

Dr. Edward Bach (1886-1936)

Al di là di ogni aspettativa, questo suo impegno diede come risultato la guarigione da quella che era stata diagnosticata una malattia inguaribile, da ciò ne dedusse che una grande passione, un ideale vissuto profondamente, si possono rivelare medicine di straordinaria efficacia anche per le più gravi malattie.
Per diversi anni studia e applica i metodi omeopatici, distinguendosi nella ricerca di nuovi medicamenti, ma neanche l'omeopatia fornisce a Bach quelle risposte che cercava; inizia così una nuova fase di riflessione e di studio, e si ritira in Galles.
Nelle sue meditazioni, Bach osserva come in Natura vige un preciso equilibrio, dinamico ma costante, e pone particolare attenzione sui fiori quali splendidi rappresentanti di questa meravigliosa armonia della Creazione.
Bach risulta essere fortemente intuitivo e sensitivo, quando sta male si aggira per la campagna e sceglie un fiore che lo aiuti a guarire, successivamente prova a farlo assumere ad altre persone, in occasione di analoghi stati d'animo negativi, per osservare se sortisce il medesimo effetto curativo.

Vagliando più di tremila fiori, e scegliendo solo i più adeguati sulla base dell'efficacia, della mutua compatibilità, dell'assenza di effetti collaterali, seleziona prima i cosiddetti dodici guaritori, e poi i trentotto rimedi che ancora oggi costituiscono il "kit delle essenze di Bach".

Muore il 27 Novembre 1936, a soli cinquant'anni, consapevole che, come lui stesso ebbe a dire: "La mia opera è compiuta, la mia missione in questo mondo è finita."

Principi di funzionamento

Secondo il dr. Bach la malattia è sempre il risultato di uno squilibrio tra l'anima e la personalità, cioè quando la personalità attua una condotta di vita che non corrisponde alle esigenze interiori. L'Anima è la parte divina che costituisce la vera essenza dell'uomo e gli indica il giusto cammino verso Dio. La personalità costituisce la maschera dell'uomo che altera la giusta visione del cammino evolutivo, facendogli perdere di vista l'Unità della Creazione nell'Amore di Dio.

Il principio di funzionamento di questi rimedi è definito vibrazionale, ciò significa che non vi è un'azione chimica e molecolare sull'organismo (azione definita invece ponderale), bensì un'azione energetica che va ad interagire direttamente con il campo energetico della persona.
Ciascun fiore di Bach evoca dunque per risonanza una qualità interiore che, pur essendo presente in noi, non è ancora stata espressa oppure non è espressa al momento; tale frequenza risanante andrà a controbilanciare (effetto di "balancing") una equivalente frequenza emozionale negativa che invece risulta attiva.

La grande efficacia dei rimedi floriterapici risiede nella loro capacità di modificare la memoria emozionale del vissuto di una persona, portando libertà e consapevolezza nel quotidiano. Qualunque trauma o conflitto viene, infatti, registrato dall'organismo sotto forma di energia emozionale che si attiva ogniqualvolta una situazione esterna richiami il trauma originale.
Il paziente non torna mai indietro, una cosa elaborata è elaborata per sempre! Se anche dopo un ciclo di terapia si dovesse tornare ad assumere gli stessi fiori iniziali non vuole dire essere tornati indietro, ma semplicemente che si affrontano le stesse tematiche ad un livello di elaborazione più profonda.

Principi generali di utilizzo

  • E' bene evitare di utilizzare i fiori sulla base dei sintomi di una patologia (non esiste il "fiore per il mal di testa" oppure il "fiore per l'insonnia").

  • Gli stati d'animo devono essere attuali e non riferiti al passato: essendo frequenze che agiscono per risonanza lo stato d'animo deve essere presente "hic et nunc" (qui ed ora). Se esistono più stati d'animo è bene gerarchizzarli a partire dal più importante, poiché non andrebbero assunti più di 6 rimedi per volta.

  • La dose giornaliera standard è di 4 gocce sotto la lingua, 4 volte al dì dalla boccetta diluita da 30 ml (due gocce del rimedio madre in acqua minerale non gassata con due cucchiaini di brandy a 40°). Nelle situazioni acute si possono mettere 4-5 gocce del rimedio puro in un bicchiere d'acqua da sorseggiare lentamente.

  • La terapia va protratta in genere per almeno un mese (28 giorni costituiscono il bioritmo emozionale), ed in seguito si cambiano i fiori, lasciandone uno o piu' invariati se non c'è stata sufficiente elaborazione rispetto ad alcuni temi.

  • Nell'arco di 4-5 mesi si ottengono spesso dei buoni risultati, ma già dopo le prime tre settimane si osserva un netto miglioramento se la terapia è corretta. I fiori hanno bisogno di essere valutati e cambiati mensilmente perchè gli stati d'animo sono sovrapposti uno sull'altro come le bucce di una cipolla: tolto uno strato compare quello sottostante che prima non era visibile.

  • Per capire se la terapia funziona deve accadere qualcosa alla persona in direzione del simbolo corrispondente (ad es. la persona in trattamento con CRAB APPLE che sogna durante la notte di cambiare la pelle, oppure che presenta diarrea nelle fasi iniziali del trattamento stesso, ha effettivamente iniziato un processo di elaborazione del simbolo "purificazione").

  • Se c'è un aggravamento sintomatologico si può ridurre il dosaggio oppure usare il RESCUE REMEDY con un dosaggio di 4 gocce in un bicchier d'acqua, da sorseggiare lentamente. Se vogliamo far cessare i sintomi è sufficiente sospendere l'assunzione per 1 giorno.

  • I Fiori di Bach possono essere abbinati a qualunque altra forma di terapia naturale, permettendo un aumento dell'efficacia della terapia nel suo complesso (principio di sinergia).

  • I Fiori di Bach possono essere abbinati tranquillamente anche a terapie farmacologiche, sebbene esistano due categorie di farmaci che ne limitano un po' l'efficacia, gli psicofarmaci ed i cortisonici, in nessun caso però la floriterapia può alterare o ridurre l'efficacia di un farmaco convenzionale.

  • Nel caso il quadro emozionale non sia chiaro si possono usare quelli che sono detti "rimedi catalizzatori": per gli estroversi HOLLY (agrifoglio) - per gli introversi WILD OAT (avena selvatica).

  • Utilizzi alternativi dei fiori sono l'uso negli olii da massaggio, oppure 8-10 gocce del rimedio puro nella vasca da bagno restandovi immersi per 10-15 minuti un paio di volte alla settimana (in questo caso sono molto utili olive o hornbeam se c'è senso di stanchezza, crab apple se c'è la sensazione di sporco).

  • Chi inizia a curarsi con i fiori di Bach è necessario che si faccia inizialmente seguire da una persona esperta in grado di identificare i rimedi realmente necessari ed iniziare così un processo profondo di pulizia emozionale; in seguito la persona può imparare a conoscere i fiori e a modulare da sola i propri stati d'animo quando se ne presenta la necessità, e senza mai abusarne.

  • E' possibile che il cambiamento di coscienza stimolato dalla floriterapia si verifichi con l'apparizione di sintomi somatici; questo in genere avviene alle persone con minore capacità di introspezione ed autoanalisi, altrimenti la crisi di cambiamento viene vissuta a livello di coscienza, spesso con dei peggioramenti apparenti (healing crisis = crisi di guarigione). In oqni caso uno studio statistico ha evidenziato le reazioni più comuni durante un trattamento floriterapico.

SINTOMI DI GUARIGIONE "POSITIVI"

48,9 % sogni premonitori (spesso tra il 1° e il 4° giorno)
46,1 % aumento del bisogno di sonno o riposo
37,4 % sentirsi riposati e rilassati
33,9 % pienezza di energia
30,2 % senso di felicità interiore
27,8 % senso di liberazione
19,7 % fare qualcosa che da lungo tempo era rifiutata

SINTOMI DI GUARIGIONE "NEGATIVI"

26,4 % inquietudine
25,8% irritabilità
25,7 % spossatezza
20,9 % paura
19,7 % improvvisa comparsa di sintomi fisici

Animali e piante

Per gli animali si possono somministrare nel cibo, oppure vaporizzandoli sul pelo, soprattutto nella zona dietro le orecchie. I criteri di scelta sono analoghi a quelli per l'essere umano e si basano sulle modalità comportamentali tipiche dell'animale (ad es. cane che vuole sempre essere al centro dell'attenzione: Chicory, cane che piange ed ulula quando il padrone va via: Holly, cane spaventato dal minimo rumore o spostamento nelle sue vicinanze: Star of Bethlehem, Aspen, spesso il gatto può essere Water Violet o Mimulus se nervoso).
Anche le piante, in quanto esseri viventi sensibili, possono giovare dei fiori di Bach, è sufficiente mettere 1-2 gocce nell'acqua usata per innaffiare.

  • per i semi e le piante da semi: HORNBEAM (per dare forza e incoraggiamento) OLIVE (per superare l'affaticamento di una crescita veloce) e VINE (per rompere il guscio);

  • per piante deboli o esaurite HORNBEAM;

  • per l'infestazione da parassiti CRAB APPLE e AGRIMONY (per la tortura che non può essere espressa):

  • per un travaso WALNUT (facilita il cambiamento).

RIMEDI COMPOSTI

La più importante formulazione composta lasciata da Bach è il cosiddetto "RESCUE REMEDY" o rimedio per le emergenze, composto da CHERRY PLUM (mancanza di controllo), CLEMATIS (stato di incoscienza), IMPATIENS (stress), ROCK ROSE (terrore) e STAR OF BETHLEHEM (stato di shock).
In gocce si assumono due gocce pure sotto la lingua ogni 10-15 minuti, se il trauma è molto recente, oppure una diluizione di 4 gocce in boccetta da 30 cc. quattro o più volte al giorno.

Utilizzi vari:

  • In caso di malattie improvvise o di incidenti, alcune gocce del Rescue Remedy sono assai utili per la "vittime" e per coloro che la stanno assistendo.

  • In caso di perdita della conoscenza si stillano tra le labbra le gocce diluite, oppure si sgocciolano sulle labbra, le gengive, le tempie, la fontanella, dietro le orecchie o sulle giunture delle mani.

  • Il pronto soccorso può essere effettuato anche esternamente sotto forma di impacchi, cataplasmi, compresse e simili nella proporzione di 6 gocce del flaconcino originale per 1/2 litro di acqua circa. Lo si può porre direttamente dietro le orecchie, sul collo, ecc...

  • Quando si è psichicamente confusi, per esempio: dopo un dissesto familiare, dopo aver ricevuto una lettera spiacevole o per i bambini che hanno assistito ad un film brutale.

  • Quando qualcosa è imminente: una visita dal dentista, il termine fissato per la separazione, un colloquio di lavoro, gli esami di guida, un'operazione chirurgica.

  • Quando si è preso un forte spavento, per esempio: dopo una brutta caduta, il morso di un cane, la puntura di un insetto.

  • Quando si è costretti a lavorare in un'atmosfera stressante, per esempio: in una macelleria, in un padiglione di pronto soccorso, in una casa d'aste.

 

Combinazione per esami o incontri importanti

Serve per affrontare, oltre agli esami, colloqui di lavoro, concorsi, conferenze, incontri importanti, ecc.. Si utilizza iniziando una settimana prima del giorno dell'esame con il consueto dosaggio di 4 gocce 4 volte al giorno, passando a 4 gocce ogni 10 15 minuti nell'ora precedente l'esame.

  • Gentian per i dubbi e lo scoraggiamento;

  • Elm per la mancanza di sicurezza;

  • Clematis per essere ben concreti nella preparazione;

  • Larch per il senso di inadeguatezza e per osare;

  • White chestnut quale aiuto per la concentrazione.

Combinazione per il primo giorno di scuola

Comprende: Honeysuckle per la nostalgia della propria casa, Mimulus per la paura delle novità, Olive per il consumo di forze, Walnut per il mutamento.
Si usa come il composto per gli Esami (vedi sopra).

Combinazione per il mal di mare, d'auto o d'aereo
Comprende: Rescue Remedy e Scleranthus. Si può usare a partire dal giorno precedente il viaggio con le solite 4 somministrazioni quotidiane, aumentando secondo la necessità l'assunzione durante il viaggio.

Combinazione per l'onicofagia (vizio di rosicchiarsi le unghie)
Comprende: Agrimony per la tortura interiore, Pine per il senso di colpa, Vine per il forte impiego della volontà. Si usa per somministrazioni prolungate, 4 gocce 4 volte al giorno.

 

[ 1 - Principi Generali ]  [ 2 - Elenco Completo dei Rimedi ]

 



PER APPROFONDIRE:

Il Grande Libro dei Fiori di Bach

"Il Grande Libro dei Fiori di Bach"
Guida completa teorica e pratica alla Floriterapia di Bach - Nuova edizione aggiornata e ampliata
Mechthild Scheffer
Edizioni Corbaccio

 

 

"Guarire con i Fiori di Bach"
Guida pratica alla floriterapia
Judy Howard - John Ramsell
Edizioni Tecnicher Nuove


 

 

fiori di bach per i bambini

"Fiori di Bach per i bambini"
Un semplice e stimolante manuale per genitori, arricchito di molti suggerimenti
Barbara Mazzarella
Edizioni Xenia

 

 

Mappa Topografica delle Zone Cutanee Secondo Kramer

"Fiori di Bach - Mappa Topografica delle Zone Cutanee Secondo Kramer"
Per ogni zona cutanea con un problema si associa il fiore da usare per trattare la zona esternamente
Edizioni GDL

 

 

Fiori di Bach - 38 Descrizioni Dinamiche

"Fiori di Bach - 38 Descrizioni Dinamiche"
Lo sviluppo della personalità da un punto di vista psicodinamico e l'uso associato dei Fiori di Bach
Ricardo Orozco
Edizioni Centro di Benessere Psicofisico

 

 

Libera te Stesso

"Libera te Stesso"
Direttamente dal padre di una delle terapie naturali più diffuse al mondo, una perla di saggezza sul rapporto tra salute fisica e benessere interiore
Edward Bach
Edizioni Macro

 

 

Essere se Stessi

"Essere se Stessi"
Emozionanti riflessioni e coinvolgenti racconti per comprendere l'indissolubile legame tra salute fisica e benessere interiore
Edward Bach
Edizioni Macro

 

 

Nuovi Orizzonti con i Fiori di Bach

"Nuovi Orizzonti con i Fiori di Bach"
Un libro avanzato sulla floriterapia di Bach scritto da uno dei massimi esponenti internazionali
Ricardo Orozco
Edizioni Centro di Benessere Psicofisico

 

 

Poster Fiori di Bach

"Poster Fiori di Bach"
I 38 rimedi floreali illustrati, descritti in modo dettagliato e suddivisi per gruppi. Un'ottima guida per conoscerli da vicino
Edizioni Lumen