Logo del sito Scienze Noetiche

Home “HOLOS” “SYNTHESIS” 240 Conferenze Raphael “SVILUPPO INTEGRALE” Mailing-list Chi sono Disclaimer

Libro: I Vampiri di Energia

ALIMENTAZIONE ED ENERGIA VITALE
«Principi di Fitoterapia»



La fitoterapia è una delle più antiche medicine del mondo. La fitoterapia utilizza l'impiego di piante medicinali per la cura ed il benessere psico-fisico; dall'alba dei tempi le piante hanno sempre accompagnato l'essere umano che cercava di lenire le proprie sofferenze.

La nascita della fitoterapia è avvenuta per lo più empiricamente, ad es. osservando quali piante venivano utilizzate dagli animali quando avevano dei disturbi oppure sperimentandone direttamente su di sè gli effetti, eppure oggi in tutte le piante medicinali sono stati trovati scientificamente dei precisi principi attivi che ne giustificano l'utilizzo tradizionale. Un'altra ipotesi - più metafisica - è che gli sciamani/guaritori che scoprirono per primi i vari rimedi lo fecero entrando in connessione interiore con lo "Spirito della Pianta" e scoprendo così, per via intuitiva, il potenziale curativo di ciascuna specie.

Fitoterapia

Ogni pianta può avere una parte attiva (foglia, frutto, fiore, foglie, radice, rizoma) o più parti attive (bacche del mirtillo per le emorroidi, le foglie per la diarrea, ad es.).
Oggi si preferisce spesso l'utilizzo della polvere totale di pianta, che con la sua fine granulometria libera lentamente nell'organismo i principi curativi, inoltre per legge le capsule sono titolate, quindi assicurano una quantità minima definita e testata di tali principi (che potrebbero variare a seconda del terreno di coltivazione, della maggiore o minore presenza del sole, ecc..)
L'attività della pianta non è comunque data dai singoli componenti ma dalla sua totalità, l'effetto sinergico dell'insieme è maggiore della somma dell'effetto dei singoli principi presi separatamente.
Le capsule sono facili da reperire in farmacia, da portarsi dietro e sono prive di gusto, non prevedono inoltre una preparazione da parte dell'utilizzatore come per gli infusi e i decotti. Le dosi abitualmente usate sono 2-3 capsule 2-3 volte al dì.

Le preparazioni tradizionali fitoterapiche sono:

MACERATI GLICERICI (MG): o GEMMODERIVATI si utilizzano gemme appena dischiuse, cortecce di giovani fusti, semi; la raccolta viene fatta nel periodo primaverile. Nella gemma abbiamo tutta la pianta e quindi tutto il suo potenziale terapeutico. I macerati glicemici si ricavano attraverso l'utilizzo di un solvente trifasico (acqua, alcool, glicerina) che agisce sul preparato fresco che si vuole utilizzare.
Il tutto viene fatto macerare per tre settimane, dopo viene filtrato e poi diluito. I gemmoderivati lavorano a livello del sistema nervoso, endocrino ed immunitario. Svolgono un'azione di drenaggio e questi sono degli ottimi disintossicanti. La posologia è dalle 10 alle 100 gocce da 1 a 3 volte al dì lontano dai pasti.

OLII ESSENZIALI (OE): sono olii che si ricavano da specifiche piante e vengono ottenuti tramite distillazione. L'Olio Essenziale è un fitocomplesso che porta un messaggio olfattivo il quale agisce sul sistema nervoso, endocrino ed immunitario.Questi prodotti hanno una notevole efficacia a livello limbico che li porta ad agire sugli stati d'animo. Si utilizzano per uso interno-inalatorio ed attraverso il massaggio. La posologia è da 1 goccia fino ad un massimo di 5 da diluire in acqua.

TISANE: si avvale dell'utilizzo dell'acqua per estrarre dalla pianta i principi curativi. Si possono ottenere infusi e decotti che differiscono per temperatura, quindi bisogna fare attenzione alle piante che vengono utilizzate le quali devono avere dei principi attivi che resistono alla decozione
Infuso: 150 ml d'acqua bollente da versare su un cucchiaio di preparato secco e da lasciare in infusione da 3 a 5 minuti o 20/30 minuti a seconda della pianta. Coprire sempre la tazza per non disperdere i principi attivi.
Decotto: Mettere il preparato secco in acqua fredda, poi portare il tutto ad ebollizione e lasciare bollire il tutto per 3/5 minuti dopodichè versare filtrando.

TINTURE MADRI (TM): sono ottenute da un solvente costituito da una miscela di acqua ed alcool sul preparato di pianta fresca, con macerazione alcoolica per 3 settimane, poi viene filtrato.
La TM agisce su sintomi specifici ma è anche capace di modulare il terreno del paziente. Il profilo della pianta corrisponde alla tipologia del soggetto da trattare (diatesi) quindi si trova al confine tra la fitoterapia e l'omeopatia. La posologia va dalle 60 alle 120 gocce al dì in 2/3 assunzioni in due dita d'acqua da sorseggiare e trattenere in bocca circa 1 minuto prima di deglutire.


Fitoterapia

 


Elenco lezioni del percorso Holos - Scienze Noetiche


Guida alle Piante Medicinali
Descrizione di oltre 600 specie europee selvatiche e coltivate: piante officinali, piante velenose e anche specie utilizzate in omeopatia. botanica, droghe, principi attivi, effetti, impieghi e preparazioni farmaceutiche oltre 700 fotografie a colori con le principali caratteristiche delle piante 150 fotografie a colori aggiuntive delle droghe officinali.
Ingrid Schönfelder, Peter Schönfelder
Ricca Edizioni


 

 

Manuale pratico di Gemmoterapia
Suddiviso in quattro parti: nella prima vengono riportati i dati più recenti della ricerca; nella seconda sono presenti 52 accurate monografie relative ai gemmoderivati maggiormente utilizzati; nella terza viene spiegata la tecnica terapeutica del "drenaggio"; nella quarta parte, infine, oltre a un formulario diviso per patologie, vengono presentate tavole comparative fra gemmoderivati e Tinture Madri.
Enrica Campanini
Edizioni Tecniche Nuove


 

 

La Medicina dei Semplici
Questo volume è da sempre uno dei principali titoli di riferimento sulla medicina naturale, e la sua prima edizione risale ormai a più di 20 anni fa, da allora nuove conferme sono arrivate da numerosi studi scientifici, alcune patologie sono diventate più comuni rispetto ad altre, e molto più ampia e densa di riscontri si è fatta l’esperienza clinica dell’Autore
Alessandro Formenti
L'Informatore Agrario Edizioni