Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

RAPHAEL PROJECT
«Conferenze Online del Progetto Raphael - Incontro n° 8»

Progetto Raphael

“La Madre, porta del femminile ”

Il tema della Madre, complementare a quello del Padre, trattato la volta scorsa, è estremamente interessante per la molteplicità di aspetti che può assumere l'energia femminile. Come scrive Marie-Noelle Urech (Counselor e Presidente dell' Associazione Viridatas ispirata alal figura di Santa Ildegarda) "Nell'inconscio femminile coabitano la Grande Madre delle origini, la sacerdotessa del tempio, la ragazza in fiore, la donna-oggetto, la donna fatale, la dolce compagna, la musa ispiratrice, la redentrice, l'iniziata. La donna dovrà conoscere tutti questi aspetti per conquistarsi la libertà, per aprire sempre di più la sua coscienza all'amore e applicare le sue qualità spirituali".

A livello archetipale abbiamo già visto che il Grande Padre (incontro n° 7) può essere considerato come la coscienza strutturante originaria (Logos), e la Grande Madre può essere considerata l'energia pura primordiale (Shakti in sanscrito) da cui hanno avuto origine tutte le forme della creazione.
La donna porta in sé, dunque, un potenziale enorme, di cui comunemente ignora la portata, anche se può arrivare ad intuirlo.
La tediosa questione sulla supremazia dell'uno o l'altro sesso non si pone neppure, in quanto le energie archetipali permutano continuamente una nell'altra (essendo sostanzialmente un'unità): il maschile diventa femminile, il femminile diventa maschile, rappresentando lo yin e lo yang che si rincorrono eternamente. Noi stessi cadiamo in questo gioco della polarità, e viviamo uno o l'altro polo, a seconda del cammino reincarnativo personale. Per svolgere bene il nostro ruolo sulla Terra dobbiamo solo prendere coscienza dell'archetipo che incarniamo e provare a viverlo fino in fondo, in questo modo potremo accorciare i cicli del samsara (ciclo di morte e rinascita). La vita, infatti, non è altro che una "scuola" e se cerchiamo - vano tentativo - di evitare le lezioni che ci propone, finiamo inevitabilmente per essere "rimandati" o "bocciati" e tali lezioni ci saranno proposte indeterminatamente.

Cosa è che deve apprendere una donna, una Madre sul suo ruolo?
La prima cosa è certamente quella di prendere coscienza del proprio enorme potenziale energetico (anche i taoisti considerano, ad es., l'energia sessuale femminile virtualmente infinita, a differenza di quella maschile), e se poi questa donna vuole realmente elevarsi in un cammino di Ritorno all'Unità dovrà imparare a gestire tantricamente e in verticale questo potenziale.
Per fare ciò è indispensabile essere aiutata da un uomo, così come per un uomo è indispensabile l'aiuto della donna per la gestione dei propri piani di potenza (questo argomento viene affrontato nello specifico nei gruppi di studio).

In quanto matrice-madre della Creazione il primo potere della donna è quello sulla materia, lei è la sola in grado di procreare - cioè di "materializzare", di far scendere nella materia fisica un ente spirituale - e per esteso il suo potere arriva fino a quello della morte (l'aspetto terrifico della Dea Kali). La terra è il dominio della Madre (Gea - Gaia), così come il cielo è il dominio del Padre (Urano), e difatti la Terra è sublunare, cioè risiede cosmicamente sotto l'influenza della Luna e dei suoi cicli, pur se inserita in un contesto planetario appartenente alla sfera solare.

Un'altra cosa importantissima da comprendere per la donna è che l'energia della Madre ha sempre due facce: una misericordiosa, benevola e confortatrice, l'altra terrifica, oscura e distruttrice. I due archetipi sono molto presenti nella natura, dove accanto alle cure amorevoli per la prole, possiamo osservare l'apparentemente orribile gesto di divorare i propri figli. E' il ciclo di nascita-morte-rinascita, di eterna trasformazione dell'energia.
Scendendo nella condensazione della materia possiamo notare che esistono forme animali in cui la femmina è molto più grande del maschio (dunque più potente) ed alla fine dell'amplesso amoroso lo mangia, ne termina il ciclo poichè ha il potere e il diritto di farlo.

Da quanto sopra detto possiamo dedurne che l'iniziata dovrà imparare a gestire il proprio lato di ombra distruttrice per renderlo positivo, cioè distruttrice solo di tutto ciò che non è integrabile nel viaggio di Ritorno, e l'uomo apprenderà ad essere distrutto e a sapersi ricostruire ogni volta.
La donna è per l'uomo la Grande Prova, che lo accompagnerà al cospetto di Dio Padre, e gli è indispensabile a tutti i livelli, sia che giochi il suo ruolo materno-protettivo sia che giochi il suo ruolo distruttivo-trasformativo.

Nel sacro viaggio dell'Eroe (che Joseph Cambell descrive mirabilmente nel libro "L'eroe dai mille volti" Ed. Feltrinelli - ved. amnche incontro n°22), e che altro non è che il cammino dell'iniziato - del Figlio che vuole tornare al Padre - spesso il trionfo può essere proprio rappresentato dall'incontro sessuale dell'eroe con la Dea Madre del Mondo (Matrimonio Sacro). "Lo spirito dell'eroe trionfante incontra la Signora della Casa del Sonno, ed ella è madre, sorella, amante, moglie; è la bellezza personificata ed è tutto ciò che nel mondo affascina (indizio implicito della sua esistenza)".
Dopo l'esilio in un mondo di inadeguatezza (il mondo materiale orizzontale) l'eroe incontra la beatitudine spirituale che già conobbe nel Paradiso originario, e questa beatitudine altro non è che la madre "buona", la confortatrice.
Il matrimonio mistico simboleggia la completa padronanza della vita e della morte da parte dell'eroe; poiché la donna è vita ed è eroe chi la conosce e la "redime". L'impresa finale è il completo possesso anche della madre-distruttrice, (il lato oscuro della Madre) che diventa sua inevitabile sposa: il Figlio ha preso il posto del Padre ed ha riconciliato gli opposti, trascendendo la dualità (conquista dell'immortalità).

 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza

 

Elenco 240 Conferenze del Progetto Raphael

Il Linguaggio della Dea

Il Linguaggio della Dea
Il Linguaggio della Dea, pietra miliare dell'archeomitologia, ha rivoluzionato le prospettive sulle origini della nostra cultura. L'autrice è riuscita a ricostruire la civiltà arcaica dell'Europa Antica e a riportare alla luce la presenza centrale del femminile nella storia.
Marija Gimbutas
Venexia Edizioni

 

 

Le Dee Dentro la Donna

Le Dee Dentro la Donna
Questo libro insegna a ogni donna a identificarsi con la dea o con le dee che governano la sua personalità, a decidere quale coltivare e quale tenere a freno, e a sfruttare il potere di questi eterni archetipi per realizzare pienamente la propria individualità.
Jean S. Bolen
Astrolabio Ubaldini Edizioni

 

 

Il Risveglio della Dea

Il Risveglio della Dea
L'autrice intende rivolgersi a tutte le donne per risvegliare in loro quel potere dimenticato che l'arcaica Grande Madre, la Madre Terra, aveva infuso nell'essere femminile. Il potere di creare la vita, di guarire dai mali, di allontanare la morte. Un potere legato al corpo, alla terra, al ciclo della luna.
Vicki Noble
Tea Edizioni

 

 

Risvegliare l'Eroe Dentro di Noi

Risvegliare l'Eroe Dentro di Noi
L'Autrice , psicanalista junghiana nonché maestra indiscussa nella ricerca della felicità, fonda una psicanalisi del femminile attorno alla straordinaria intuizione della Donna Selvaggia: una forza psichica potente, istintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi.
Clarissa Pinkola Estes
Pickwick Libri Edizioni