Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 22

"L'avventura dell'Eroe"


Lo studioso Joseph Campbell descrive nel saggio "L'eroe dai mille volti" (Ed. Feltrinelli) una intuizione estremamente interessante e cioè che tutti i miti, tutte le leggende e tutte le fiabe di ogni tempo e luogo narrano sempre e solo un'unica storia (definita "monomito"): l'eterna ricerca dell'essere umano della sua vera essenza (attraverso la scoperta di una Verità trascendente)!
Questo è il cammino di ogni iniziato, ed "eroe" è il termine con cui si è soliti definirlo nei miti, egli è destinato inequivocabilmente a vincere (altrimenti è solo un mistificatore) e con la sua vittoria rinnova e rigenera il flusso della Vita nel Corpo del Mondo.
Studiando le tappe che formano la parabola dell'eroe convenzionale, troviamo la riproduzione ingigantita della formula dei riti di passaggio: separazione - iniziazione - ritorno, e siamo in grado di anticipare le fasi che attraverseremo nel nostro cammino iniziatico.

LA PARTENZA (SEPARAZIONE)

1. L'APPELLO - 2. RIFIUTO DELL'APPELLO
Quando l'universo stabilisce che è l'ora del risveglio dell'individuo compaiono dei segnali precisi, che spesso per l'essere umano comune coincidono con eventi dolorosi (lutto, malattia, separazione, ecc...). Ma non è infrequente l'iniziale rifiuto a questa chiamata.

3. L'AIUTO SOPRANNATURALE
Chi risponde all'appello generalmente incontra per prima cosa un protettore lungo il cammino (una buona vecchietta, un saggio mascherato,...) , questo protettore fornisce dei doni magici per permettere di affrontare il drago (le difficoltà).

4. IL VARCO DELLA PRIMA SOGLIA
Con l'aiuto e la guida sopra rammentati l'eroe incontra subito "il Guardiano della Soglia", che rappresenta le paure da superare perché ci sia concesso l'ingresso nella zona delle potenze sopranaturali. Al di là della soglia c'è il mistero, l'abisso, il pericolo. Non è raro riscontrare a guardia della soglia il principio della seduzione, con cui l'eroe può essere ammaliato e stordito (ved. il canto delle sirene). Altri guardiani sono il drago , l'orco, il mostro, le false visioni, il ciclope, ecc...

5. IL VENTRE DELLA BALENA
Non è raro che l'eroe sembri soccombere agli occhi del mondo (inghiottito dalla balena, simbolo diffuso in tutto il pianeta), in realtà il varco della soglia magica non è altro che l'annullamento che permette la rinascita; l'eroe si muove verso l'interno per morire e rinascere.
Il tempio interiore, il ventre della balena, e la Terra Beata che giace oltre i confini del mondo sono la stessa cosa.

L'INIZIAZIONE (AVVENTURA)

6. LA STRADA DELLE PROVE
Una volta superata la soglia appare un paese di sogno dove devono essere superate un certo numero di prove. Nei miti-avventure questa è una delle fasi favorite che ha ispirato in ogni parte del globo ogni serie di singolari descrizioni di prove e cimenti.

7. L'INCONTRO CON LA DEA - 8. LA DONNA TENTATRICE
Pressoché sempre esiste l'incontro con la dimensione femminile nel suo duplice aspetto.
Lo spirito dell'eroe trionfante incontra la Dea Madre del Mondo, ella è madre, sorella, amante, moglie; è la bellezza personificata ed è tutto ciò che nel mondo affascina (indizio della sua esistenza). Il matrimonio mistico simboleggia il completo dominio della vita da parte dell'eroe; poiché la donna è vita ed è eroe chi la conosce e la domina. L'impresa finale è il completo possesso della madre-distruttrice, che diventa sua inevitabile sposa: egli ha preso il posto del padre e riconciliato gli opposti.

9. RICONCILIAZIONE CON IL PADRE
Quando il bambino esce dalla sfera protettiva del grembo materno ed affronta il mondo degli adulti passa spiritualmente nella sfera del padre; il padre diventa il sacerdote iniziatore del mondo e si aggiunge un elemento di rivalità: il figlio compete con il padre per il dominio dell'universo, e la figlia con la madre per essere l'universo dominato. Il padre deve affidare al figlio i simboli del potere solo se il figlio si è liberato da tutte le "visioni limitanti"; idealmente il figlio investito del potere è stato spogliato della propria umanità ed è divenuto il rappresentante di una forza cosmica impersonale, è nato due volte

10. APOTEOSI
L'eroe che ha superato gli ultimi terrori dell'ignoranza viene a trovarsi in uno stato divino.

11. L'ULTIMO DONO
Il dono magico che l'eroe porta con sé dopo che è stato capace di conquistarselo rappresenta il simbolo della linfa dispensatrice di vita, il bene concesso all'iniziato è sempre proporzionale alla sua levatura e alla forza del suo desiderio e della sua volontà.

IL RITORNO

12. RIFIUTO A RITORNARE
La legge del monomito esige che una volta che l'eroe sia riuscito nella sua impresa debba tornare per portare nel suo mondo le Rune della Saggezza, il Vello d'oro, il Fuoco Sacro, o la sua principessa Addormentata. Spesso l'eroe non accetta però subito questa responsabilità; numerosi sono gli eroi che stabilirono la loro residenza nell'Isola Benedetta dell'Eterna Dea della Vita Immortale.

13. LA FUGA MAGICA
Se l'eroe decide di ritornare dopo aver conquistato il magico Elisir con il favore della dea o del dio, allora ne ottiene anche la protezione soprannaturale, ma se la conquista è avvenuta a dispetto del suo guardiano l'ultima fase del viaggio mitologico diventa una difficile fuga avversata da ogni genere di sortilegio. Molto spesso l'eroe lascia dietro di sé degli oggetti che ritardano la fuga dei propri inseguitori.

14. AIUTO DALL'ESTERNO

A volte è necessario un aiuto esterno, è il mondo che deve venire a riprenderlo; infatti non è sempre facile superare la beatitudine della caverna e ritornare, ma finché si è vivi sul piano formale, la vita ci richiama a sé.

15. VARCO DELLA SOGLIA DEL RITORNO - 16. IL SIGNORE DEI DUE MONDI
Varcare la soglia del ritorno significa per l'eroe essere il rappresentante sulla Terra dei due mondi (umano e divino, temporale e atemporale), la difficoltà nel ritornare nasce dalla constatazione che il mondo accetta supinamente l'illusione del dolore e della sofferenza, rendendoli reali.

17. LIBERO DI VIVERE
Adesso l'eroe reca con sé un premio in grado di ristorare il mondo (elisir, pietra filosofale, Sacro Graal) e per lui il risultato è l'immortalità. Chi ascolta il canto del bardo viene orientato verso l'Immortale che è in lui, muore e rinasce nell'Essere.


"Miti di Luce"
Joseph Campbell
(Lindau Edizioni)



"L'Evoluzione Interiore dell'Uomo"
P.D. Ouspensky
(Mediterranee Edizioni)



"Gli Dei Dentro l'Uomo"
Jean S. Bolen
(Astrolabio Ubaldini Edizioni)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza