Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 79

"Il modello olografico"


Il modello olografico è una delle teorie tra le più accreditate sul piano scientifico per spiegare la struttura dell'universo, e rispecchia perfettamente la visione dei rishi (i vecchi saggi dell'India) sulla struttura della realtà: secondo questa concezione ogni singola porzione della realtà contiene le informazioni della totalità della realtà stessa, ogni individuo è un essere divino e dunque, in ultima analisi, tutto è Uno!
Il nome del modello deriva dall'ologramma, cioè una sorta di fotografia tridimensionale realizzata attraverso l'impressione di un raggio laser su di una lastra. La realizzazione di un ologramma prevede che un raggio laser venga diviso (e diffranto) in due raggi, uno imprime la lastra passando attraverso l'oggetto da olografare, mentre l'altro viene fatto incidere sull lastra senza essere passato attraverso nessun oggetto: il risultato sono delle onde di interferenza tra i due raggi impresse sulla lastra fotografica.

Una volta che sulla lastra viene fatto incidere un nuovo raggio laser essa riproduce tridimensionalmente l'oggetto olografato.
La cosa interessante dell'ologramma sono le sue proprietà: ogni porzione della lastra contiene l'intera immagine, per cui se la divido in due e vi riproietto il raggio laser non ho metà figura riprodotta (come nel caso in cui avessi tagliato in due una fotografia) ma nuovamente mi riappare la figura intera, pur avendo perso una piccola parte dell'informazione globale (infatti la qualità dell'immagine sarà un po' inferiore). Questo modello lo possiamo ritrovare nelle nostre cellule, in cui ciascuna - a livello del DNA - possiede l'informazione per ricreare la totalità dell'individuo, ed anche nelle molte discipline reflessologiche (riflessologia plantare, palmare, iridologia, fisiognomica, ecc...) che ci dimostrano attraverso i risultati clinici come tutto l'organismo risulti rappresentato in ogni sua singola parte e come quindi possa essere curato gliobalmente semplicemente attraverso la stimolazione riflessa zonale.

Le possibilità teoriche di questa visione sono letteralmente incredibili, e di fatto sono testimoniate delle esperienze "miracolose" realizzate nel corso dei millenni da sensitivi, mistici e santi. Vediamone solo alcune:

1. in ciascuno di noi esiste il pieno potenziale buddhico e cristico, in ogni essere umano esiste la totalità delle qualità positive e negative presenti nell'umanità nel suo complesso;
2. tutto ciò che esiste è intimamente interconnesso, noi siamo gli altri e gli altri sono noi;
3. ogni evento di qualunque natura influenza tutti gli altri eventi (ovunque essi si trovino nello spazio, nel presente, nel passato o nel futuro)
4. lo spazio-tempo è olografico, tutto è sempre esistito qui e ora e tutto esisterà qui e ora (a livello medico olistico questo vuol dire che nel malato esiste già la guarigione);
5. l'intero è maggiore della somma delle parti (solo in una dimensione sovrapersonale - ad es. in un gruppo - possiamo ritrovare la nostra vera totalità);
6. ogni apparente dualità è in realtà un'unità (come la luce che è contemporaneamente onda e particella), non esiste reale differenza tra uomo e donna, tra luce ed ombra, tra bene e male.

Per ulteriori approfondimenti: http://www.xmx.it/universoillusione.htm


"Tutto è uno"
di Michael Talbot
(Urra Edizioni)



"Eccellenza della Performance"
di Michael Colgrass
(Franco Angeli Edizioni)



"La Fisica della Mente (eBook)"
di Luca Clun
(Bruno Editore)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza