Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n░ 99

"La visione del Tao"


Primo capitolo del Tao Te Ching

"Il Tao che pu˛ essere detto non Ŕ l'eterno Tao,
il nome che pu˛ essere nominato non Ŕ l'eterno nome.
Senza nome Ŕ il principio del Cielo e della Terra,
quando ha nome Ŕ la madre delle diecimila creature.
Perci˛ chi non ha mai desideri ne contempla l'arcano,
chi sempre desidera ne contempla il termine."

Il termine Taoismo designa al tempo stesso sia una precisa visone filosofica dell'Universo che una delle principali religioni della Cina (le altre sono il Confucianesimo, che Ŕ una sorta di codificazione dell'antica religione tradizionale cinese - chiamata dallo studioso delle religioni De Groot "Universismo" - ed il Buddhismo Mahayana).

Il Tao (Dao= Via, in giapponese Do) Ŕ il Principio Primo di tutto ci˛ che esiste e l'UnitÓ fondamentale nel quale si possono risolvere tutte le contraddizioni; per il saggio l'obiettivo Ŕ quello di adeguare al Tao tutti i suoi comportamenti, e questo in pratica si ottiene rimanendo completamente fluidi alla circolazione della Vita, semplici, spontanei e naturali: nel "non agire" (Wu Wei) sta la saggezza suprema.
Il non agire va inteso come il rinunciare a voler piegare gli eventi naturali alla volontÓ dell'io, non come mera passivitÓ, solo in questo modo l'essere umano pu˛ adempiere il proprio destino e raggiungere la perfezione e l'immortalitÓ.

L'origine del Taoismo viene attribuito alla leggendaria figura di Lao Tzu (o Lao Tze o Laozi, che significa "Vecchio Maestro"), che si dice generato da un raggio di Sole e tenuto in gestazione per 81 anni prima di essere partorito dall'ascella sinistra della madre, sotto un susino. Come lo stesso Confucio, suo contemporaneo, anche Lao Tzu fu profondamente addolorato dallo stato di decadenza morale della Cina del VI sec. a.C., ma mentre Confucio cerc˛ di trasmettere una serie di precetti di riforma sociale e politica, Lao Tzu preferý dedicarsi alla meditazione e al raccoglimento. Si narra che quando scelse di allontanarsi per sempre dalla societÓ si diresse verso Ovest, e giunto al confine di Hangu venne pregato dalla guardia del passo di lasciare almeno una testimonianza del suo insegnamento; Lao Tzu scrisse allora una breve opera (poco pi¨ di cinquemila caratteri ideografici) nota oggi come Daodejing o Tao Te Ching, l'affid˛ alla guardia e si allontan˛ per sempre dal mondo degli uomini.
L'opera di Lao Tzu, originariamente divisa in due parti (una sul Tao, ed una sul Te = "ci˛ che le singole cose posseggono del Tao" - tradotto a volte come "virt¨"), venne in seguito suddivisa nel numero mistico di 81 brevi capitoli. Sembra che il nome di Tao Te ching fu dato all'opera da uno dei suoi commentatori, Ho-shang Kung.

Il concetto di Tao Ŕ al di lÓ di ogni possibile definizione, Ŕ tutto ci˛ che consente alle cose di essere come sono; per˛ ha una sua manifestazione, si legge infatti che "Il Tao genera l'Uno, l'uno genera il due, Il due genera il tre e il tre genera i diecimila esseri". L'intrinseca armonia del tao la ritroviamo nell'equilibrio che esiste tra lo Yin (lato in ombra della montagna, femminile, lunare, freddo, simboleggiato dal quadrato a rappresentazione della Terra) e lo Yang (lato assolato della montagna, maschile, solare, caldo, simboleggiato dal cerchio a rappresentazione del Cielo). Le leggi del Tao prevedono che:

  1. L'energia yin attrae l'energia yang e viceversa
  2. L'energia (yin o yang) respinge forze e tendenze analoghe (yin o yang)
  3. L'energia (yin o yang) in eccesso si trasforma nella sua polaritÓ opposta (yang o yin)

Un complesso sistema di pratiche fisiche, dietetiche, sessuali, meditative ed alchemiche aiutano il taoista a raggiungere il traguardo dell'immortalitÓ, considerato come lo stato di perfezione dell'essere umano, in particolare:
la pratica dietetica consiste nella nutrizione secondo l'equilibrio dei 5 elementi della MTC e nell'astensione dai cosiddetti cinque cereali, di cui si nutrono i tre demoni (san shih) che risiedono nel corpo umano.
Le pratiche fisica e respiratorie (Tai Chi Chuan - Ch'i Kung o Qi Gong) permettono di assimilare il Ch'i (o Soffio Vitale) pi¨ sottile per nutrire la dimensione divina e sublime dell'essere, favorire la corretta circolazione dell'energia in armonia con la Natura ed eliminare le scorie dense, fisiche ed emozionali.
La pratica sessuale (ved. anche incontro n░ 66) consiste nella canalizzazione dell'energia sessuale all'interno del Piccolo e del Grande Circolo Energetico, nella ritenzione del seme maschile e nella massima elevazione dell'energia allo scopo di formare il Corpo di ImmortalitÓ.
Attraverso meditazione, respirazione, pratiche fisiche e sessuali il taosita cerca di trasformare l'energia alimentare (Guqi) assieme a quella respiratoria (Yongqi) e all'energia ancestrale o sessuale (Jing) in energia interna raffinata da sublimare in Energia Spirituale (Shen).
La pratica alchemica, particormente misteriosa, consiste in estrema sintesi nella complessa preparazione e nell'ingestione del cinabro (solfuro di mercurio), in grado di portare l'essere fino all'ambito traguardo dell'immortalitÓ.

Per leggere il "Tao Te Ching" completo in italiano: www.liberliber.it/biblioteca/l/lao_tzu/tao_te_ching/html/indice.htm
Per approfondire il tema del Taoismo: www.filosofico.net/iltaoismo.htm


"Tao Te Ching"
Lao Tzu
(Oscar Mondadori)



"Il Taoismo"
Martin Palmer
(Xenia Edizioni)



"Tao Teh Ching Esoterico"
Hua-Ching Ni
(M.I.R. Edizioni)


á

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza