Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 104

"I Vangeli apocrifi"

Apocrifo in greco significa "segreto", "nascosto" , e nel Cristianesimo primitivo il termine veniva utilizzato per definire i testi gnostici, che appunto usavano un linguaggio simbolico ed ermetico; in seguito il termine è diventato sinonimo di "non autentico", "eretico" poiché solo i quattro Vangeli oggi conosciuti come "canonici" (di Matteo, Marco, Luca, Giovanni) vennero considerati rispondenti all'ortodossia cristiana.

Di fatto i Vangeli apocrifi costituiscono un patrimonio culturale e spirituale notevolissimo, in grado di aiutarci a comprendere meglio la figura di Gesù il Cristo ed anche a renderla più umana. I Vangeli più antichi appartengono alla tradizione giudaica (anche se ne rimangono per lo più solo citazioni sparse negli scritti posteriori dei Padri della Chiesa), esistono poi quelli di origine arabo-siriana ed armena (i cui contenuti sono però più favoleggianti e dissacratori che dottrinali) ed infine abbiamo gli straordinari ritrovamenti di Nag Hammadi (Alto Egitto), dove nel 1945 è stata scoperta un'intera biblioteca gnostica in lingua copta: 52 scritti contenuti in 13 codici di papiro. Tra gli scritti gnostici di Nag Hammadi risultano particolarmente rilevanti :

  • Il Vangelo di Tommaso
    E' considerato a volte come il "Quinto Vangelo"; è probabilmente il Vangelo più antico, e rispecchia maggiormente il pensiero originale di Gesù. Sotto ne riportiamo alcuni stralci (ved. http://utenti.lycos.it/cristianesimo/Vangeli/Vangelo_Tommaso.html).
  • Il Vangelo di Filippo
    Questo Vangelo contiene molte espressioni presenti anche nel Nuovo Testamento (in particolare Giovanni e Lettere di Paolo), ciò fa pensare che sia esistita una fonte comune sebbene utilizzata in modalità differenti dagli evangelisti che hanno potuto consultarla.
    (ved. http://utenti.lycos.it/cristianesimo/Vangeli/Vangelo_Filippo.html)
  • Il Vangelo di Maria
    Maria Maddalena viene accreditata come la discepola più vicina a Gesù e come colei che ha ricevuto gli insegnamenti più segreti; Maria fa una rivelazione agli altri discepoli di Gesù: la visione di Dio non si raggiunge con l'Anima, né con lo Spirito, ma con l'Intelletto.
    (ved. http://www.sabinaoggioni.it/Vangelo/Vangelo%20di%20Maria.htm)
  • Il Vangelo di Verità
    Enunciazione delle principali verità gnostiche: l'emanazionismo, la caduta delle anime nelle tenebre della materia, il predominio dell'Errore e della dimenticanza di Dio, quindi l'ignoranza di se stessi come Eoni aventi radice nella Luce di Dio, la necessità della conoscenza (gnosi) per la salvezza e il ritorno in Dio, origine e fine di ogni cosa (ved. http://utenti.lycos.it/cristianesimo/Vangeli/Vangelo_della_Verit.html).

Gesù disse: Ho gettato fuoco sul mondo, ed ecco, lo custodisco fino a che divampi.
Passerà questo cielo e passerà ciò che è sopra di esso, i morti non sono vivi e i vivi non morranno.

Gesù disse: Forse gli uomini pensano che io sia venuto a gettare la pace sul mondo e non sanno che io sono venuto a gettare divisioni, fuoco, spada, guerra. Cinque saranno in una casa: tre contro due e due contro tre, il padre contro il figlio e il figlio contro il padre. Ed essi se ne staranno soli.

I discepoli di Gesù dissero: Manifestaci quale sarà la nostra fine. Gesù rispose: Avete scoperto il principio voi che vi interessate della fine? Infatti nel luogo ove è il principio, là sarà pure la fine. Beato colui che sarà presente nel principio! Costui conoscerà la fine e non gusterà la morte.

Gesù disse: " Non è possibile che un uomo cavalchi due cavalli e tiri due archi; e non è possibile che un servo serva a due padroni: onorerà uno e disprezzerà l'altro. Nessuno beve vino vecchio e desidera poi subito del vino nuovo; né mettono vino nuovo in otri vecchi, per tema che si rompano; né mettono vino vecchio in un otre nuovo, per tema che lo guasti;
non cuciono una pezza vecchia su di un vestito nuovo, per tema che ne risulti uno strappo".

Gesù disse: C'era un uomo ricco che aveva molte ricchezze. Disse: Mi servirò delle mie ricchezze per seminare, mietere, piantare e riempirò i miei granai di frutta, e non mancherò di nulla. Così pensava in cuor suo, ma in quella notte morì. Chi ha orecchie, intenda".

Gesù disse "Colui che non odia suo padre e sua madre come me, non è adatto a essere mio discepolo. E colui che non ama suo padre e sua madre come me, non può divenire mio discepolo. Poiché mia madre mi diede menzogna, ma la mia vera madre mi diede la vita".

Gesù disse: "Quando di due farete uno, sarete figli dell'uomo; e quando direte a un monte: "Allontanati!", si allontanerà".

Simon Pietro disse loro: " Maria deve andare via da noi! Perché le femmine non sono degne della Vita". Gesù disse: "Ecco, io la guiderò in modo da farne un maschio, affinché ella diventi uno spirito vivo uguale a voi maschi. Poiché ogni femmina che si fa maschio entrerà neI Regno dei cieli".


I Vangeli gnostici testimoniano chiaramente come il Cristianesimo delle origini avesse una concezione della salvazione basata sulla Conoscenza (Gnosi), analoga alla visione neoplatonica. Secondo questa visione il Cosmo risulta formato da una gerarchia di entità incorporee emanate da Dio (gli "Eoni"), che diventano sempre meno perfette mano a mano che si allontanano da lui, come una luce progressivamente si attenua distanziandosi dalla sua fonte. L'ultimo Eone, l'Anima o Psiche, viene a contatto con la materia e ne è sopraffatto, cadendo nell'oblio delle tenebre, schiavo del male, del dolore, della morte. Lo stato di ignoranza della propria origine divina è ciò che la Gnosi si prefigura di annullare mediante il risveglio della vera conoscenza ed il completo ritorno dell'essere in essa, cioè alla perfezione di Dio.
Dio per Amore concede all'uomo la possibilità di riscatto inviando sulla terra il modello perfetto dell'uomo spirituale, l'Anthropos celeste, il Kristos, il quale renderà coloro che vogliono ascoltarlo partecipi della conoscenza salvatrice, la Gnosi appunto.

Altri scritti gnostici rilevanti (alcuni precedenti al ritrovamento di Nag Hammadi) sono: "Sophia di Gesù" (ed Epistola di Eugnosto) esposizione dottrinale sulla vera struttura dell'universo, sull'economia della salvezza, sulla provvidenza divina, ecc... "Dialogo del Redentore": dissertazione di Gesù su problemi cosmologici, antropologici e soteriologici (salvifici). "Pistis Sophia": il Cristo risorto rivela ai suoi discepoli il mistero della caduta dell'anima umana nella materia, l'origine del male, la necessità del ritorno alla Luce di Dio, il destino degli Arconti (le potenze del male). "Libri di Jeu": Gesù spiega ai discepoli le 28 emanazioni che promanano dal "Vero Dio", uscito dal grembo del Padre, descrive le tre forme di battesimo (con acqua, fuoco, e Spirito Santo) e l'ascesa delle anime dei discepoli, purificati e salvati, attraverso gli eoni del mondo. "Libro del Grande Spirito Invisibile": dissertazione sul mondo della Luce e delle entità superiori, a cui appartengono anche gli gnostici "perfetti".

Per approfondire:
http://digilander.libero.it/sabato/index.htm - http://utenti.lycos.it/cristianesimo
http://www.etanali.it/mar_morto/files/01.htm - http://xoomer.virgilio.it/bxpoma/vangelo/vangelo.htm


"I Vangeli Apocrifi"
di Giuseppe Bonaccorsi
(Libreria Editrice Fiorentina)



"Il Vangelo di Maria Maddalena"
di Kathleen McGowan
(Piemme Edizioni)



"Il Vangelo di Maria Maddalena"
di Daniel Meurois-Givaudan
(Amrita Edizioni)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza