Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 169

"L'oracolo dell'I Ching"

L'I Ching (lett. Libro del Mutamento o Libro delle Trasformazioni - noto anche come I King o Yijing) è un antico libro oracolare che racchiude mirabilmente tutta la filosofia cinese e la straordinaria saggezza che la contraddistingue. Nel pensiero cinese il mondo fenomenico è creato dal Tai Ji (Tai Chi - Grande Essenza) il quale, sorto spontaneamente dal Wu Ji (Wu Chi - Nulla Supremo), si manifesta attraverso i due principi complementari dello yang (principio attivo, maschile, creativo, fermo, solido, forte, chiaro) e dello yin (passivo, femminile, ricettivo, mutevole, debole, scuro) che a loro volta danno origine alle quattro manifestazioni (Si Xiang) ed infine agli otto trigrammi (Ba Gua - Pa Kua). Yin e Yang non esprimono una reale opposizione ma un continuo cambiamento della polarità dell'energia, che quindi ciclicamente muta nel suo aspetto contropolare venendo così a definire la vera essenza della realtà: infinito e continuo mutamento!
Come riportato alla pagina http://www.tsienn.it/g/iching/info/ching.php: "Conoscere la realtà significa conoscere il flusso del mutamento, e di conseguenza sapere se e quando conviene assecondare tale flusso, o se conviene (o è possibile) opporvisi. In molti casi lo I Ching risponde consigliando di non agire, secondo i dettami taoisti del Wu Wei, azione passiva o inazione. Lo I Ching non impone uno specifico futuro agli avvenimenti, piuttosto ne descrive le varie probabilità al momento presente. L'espressione 'l'uomo superiore' (Chuntzu) indica il saggio che dotato di tali conoscenze sa sfruttarle nel modo migliore, decidendo di agire o non agire."

L'I Ching si compone di 64 capitoli e di una serie di appendici note come le "Dieci Ali". La tradizione fa risalire al leggendario imperatore celeste Fu-Hi la scoperta dei trigrammi, al Re Wen e al Duca di Chou - suo figlio - l'origine del libro (ca. 1100 a.C.) e a Confucio (Kung Tzu, 551-478 a.C.) la stesura dei Commenti e di parte delle Appendici. In occidente la traduzione più famosa è quella di Richard Wilhelm, missionario e pastore tedesco vissuto in Cina per oltre 20 anni, con la prefazione dello psicologo Carl Gustav Jung, il quale - grazie proprio allo studio dell'I Ching - arrivò a formulare il principio di sincronicità che ancora oggi sta alla base della comprensione olistica della Vita: "Qualsiasi cosa accada in un dato momento e' legata all'intera situazione universale prevalente in quel momento stesso".

Nell'I Ching lo yang è rappresentato con una linea dritta e lo yin con una linea spezzata; tutte le possibili combinazioni di tre linee costituiscono gli 8 trigrammi di base mentre con sei linee si hanno i 64 esagrammi (o kua) a ciascuno dei quali è riservato un singolo capitolo dell'I Ching.
Il metodo più tradizionale di costruzione dell'esagramma prevede l'utilizzo di un mazzo di 49 bastoncini di Achillea Millefolium, sul quale si operano delle precise selezioni fino a che non restano 6, 7, 8 o 9 bastoncini che descrivono, rispettivamente: la linea yin mobile (vecchio yin), la linea yang fissa (nuovo yang), la linea yin fissa (nuovo yin) e la linea yang mobile (vecchio yang). Atri metodi prevedono l'utilizzo di 3 monete cinesi (tonde con un foro quadrato al centro) oppure di 6 tavolette ognuna con una faccia nera ed una faccia bianca (però con questo sistema non si ottengono linee mobili, cioè linee che mutano nella loro polarità opposta e che tengono conto dell'evoluzione della situazione che stiamo considerando). La Tradizione Cinese prescrive che quando l'I Ching non viene utilizzato resti avvolto in un telo di seta e posto ad un'altezza non inferiore alle spalle di una persona, prescrive inoltre una precisa ritualità e sacralità nel suo utilizzo oracolare. Di seguito sono descritti in sintesi gli 8 trigrammi fondamentali che, combinati a due a due, danno origine ai 64 esagrammi.

1) CH'IEN - Il Creativo: Cielo, maschile, attività, potenza, completezza - METALLO/ NORD-OVEST - Padre del tutto.
2) K'UN - Il Ricettivo: Terra, femminile, passività, morbidezza, oscurità, debolezza - TERRA/ SUD-OVEST - Madre del tutto.
3) CHEN - L'Eccitante: Tuono, aria, movimento, impulsività, veemenza - LEGNO/ EST - Primo Figlio.
4) K'AN - L'Abissale: Acqua, fiume, mutevolezza, pericolosità, astuzia, flessibilità, malinconia - ACQUA/ NORD - Secondo Figlio.
5) K'EN - L'Arresto: Montagna, roccia, stabilità, quiete, tranquillità, inerzia - TERRA/ NORD-EST - Terzo Figlio.
6) SUN - Il Mite: Vento, bosco, intuizione, cedevolezza, modestia, gentilezza, indecisione - LEGNO/ SUD-EST - Prima Figlia.
7) LI - L'Ardente: Fuoco, sole, fulmine, avvolgente, calore, luminosità, agitazione - FUOCO/ SUD - Seconda Figlia.
8) TUI - Il Sereno, (Lago, palude, allegria, riso, tenerezza, obbedienza - METALLO/ OVEST - Terza Figlia.

Negli esagrammi degli I Ching si può ritrovare la struttura dell'Universo, i principi cosmogonici e quelli del nascere, divenire e cessare di tutte le cose. Moderni studi comparativi hanno appurato che la struttura dei trigrammi e degli esagrammi è frattalica e che la Scienza del Caos è espressa in modo eccellente nell'I Ching (ordine all'interno di un disordine apparente...); sono proprio le risposte non assolute e da interpretare in svariati modi possibili (a seconda dei fattori in presenza e considerando che tutte le interpretazioni possono essere in linea di principio corrette) che rende questo strumento sapienzale idoneo a rappresentarci la natura non lineare e quantistica della realtà.
E' inoltre straordinario verificare come le 64 combinazioni presenti nel Libro dei Mutamenti siano precisamente correlabili con le 64 combinazioni possibili delle triplette di basi azotate che compongono il codice genetico (il DNA). In pratica, come lo schema del DNA costituisce la struttura fondamentale della dimensione biologica ed organica di un essere, così lo schema dell'I Ching descrive la struttura basilare della dimensione psichica e spirituale dell'individuo e dell'Universo ( micro e macrocosmo sono - com'è noto - intimamente correlati tra loro).

Per approfondire www.zenhome.it/ich-go2.htm


"I Ching
Il libro dei mutamenti"

A. Shantena Sabbadini, R. Ritsema
(Urra Edizioni)



"I Ching"
P. Mariani, P. Meanti
(Mursia Edizioni)



"I:Ching - Vol 1 e 2"
Gabrielle Pinto, Murray Feldman
(Armando Editore)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza