Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 181

"Tara Bianca e il Tantra Tibetano"

Tara, il cui nome significa "Stella" e a cui si dà il significato di "Salvatrice", "Liberatrice", "Colei che fa giungere all'altra riva" (la radice sanscrita tr significa 'fare' - 'attraversare') è una delle principali divinità tantriche tibetane; Tara (in tibetano Dolma) è considerata la madre di tutti i Buddha, rappresenta l'energia femminile della Grande Madre misericordiosa ed è la consorte di Avalokitesvara, il Bodhisattva della compassione. Ci sono molte leggende su Tara, una di queste narra che Tara fosse figlia di un re molto devoto a Dio e che quando il re morì lasciò il suo regno alla figlia. A lei fu predetto che facendo molte preghiere si sarebbe realizzata in quella vita trasmutando la sua essenza in una forma maschile: poiché molti Buddha si erano già realizzati in corpo maschile e pochi in corpo di donna, ella pregò per elevarsi come Buddha in aspetto femminile e rimanervi anche dopo la suprema illuminazione, e così avvenne! Secondo un'altra leggenda Avalokitesvara, mosso a compassione dalla infinita sofferenza degli esseri, pianse fino a formare un lago dal quale uscì uno splendido loto in boccio: nel momento in cui i suoi petali si aprirono al centro del fiore si manifestò Tara.

Ci sono 21 manifestazioni differenti di Tara, ma le principali sono cinque: Tara Bianca (azione che pacifica - a cui era intestato il Centro di Medicina Olistica di Viareggio da cui è nato il Progetto Raphael), Tara Verde (protettrice da tutti i pericoli), Tara Nera (elimina gli ostacoli e le difficoltà), Tara Gialla (porta sviluppo ed incremento) e Tara Rossa (sviluppa il potere a beneficio di tutti). La rappresentazione iconografica di Tara ha dei precisi significati simbolici che aiutano a comprenderne l'essenza:
Tara siede di norma su di un fiore di loto (rinuncia alla sofferenza, mancanza di attaccamento al samsara, interesse alla purezza) e sopra un disco lunare (mente illuminata di bodhicitta, pensiero a beneficio di tutti), attorno a lei c'è un disco solare (vacuità dei fenomeni); presenta una gamba allungata ed una raccolta (unione di metodo e saggezza), la mano destra è verso il devoto con il pollice sul palmo ("Tu che hai il desiderio dell'illuminazione, vieni a me"), la mano sinistra ha pollice e anulare che si toccano ("Voi che avete fiducia in me non dovete aver timore, io vi assisto e in me sono il Buddha, il Dharma - la Legge, la Via, il Sangha o comunità monastica, che rappresenta il blocco delle azioni non virtuose"), tra pollice ed indice c'è un fiore di unpala - loto ("Sollevati dal torpore dell'ignoranza"); Tara ha due seni turgidi (beatitudine non contaminata), il volto è tondo come la luna, sorride, ha due occhi molto belli (compassione) e presenta varie ornamenti quali orecchini, collana, gioielli a mani e piedi (sono le 6 perfezioni: GENEROSITA', MORALITA', PAZIENZA, GIOIA, CONCENTRAZIONE, SAGGEZZA).

OM TARE TUTTARE TURE SO HA
Tara Mantra secondo gli insegnamenti del Lama Gheshe Thubten Tenzin

OM "Per favore concedici le benedizioni del tuo corpo, della tua parola e della tua mente"
A-U-M / O-M rappresentano corpo, parola e mente dei Buddha

TARE "Aiutaci ad uscire dal ciclo delle morti e delle rinascite"
Tara è colei che è andata al di là del ciclo delle morti e delle rinascite (samsara), poiché all'interno di questo ciclo esiste la sofferenza, Ella è andata oltre la sofferenza. Esistono 6 tipi di esistenza nel samsara: il primo reame è quello infernale, il secondo è il regno della fame e della sete (spiriti famelici), il terzo è il regno animale (TRE REAMI INFERIORI); il quarto è il regno umano, il quinto è quello degli dei o esseri celestiali, il sesto quello dei semidei o titani (TRE REAMI SUPERIORI). Tutto questo rappresenta il Samsara, esistenza ciclica e condizionata dove esiste sofferenza.

TUTTARE "Aiutaci a superare gli otto tipi di paura"
esistono otto tipi di paure interne ed otto tipi di paure esterne ad esse collegate: Tara è energia ispiratrice per superare tutte queste paure. Le otto paure interne sono : ATTACCAMENTO, RABBIA, ORGOGLIO, DUBBIO, INVIDIA, ODIO, VISIONI DISTORTE, AVARIZIA.

TURE "Proteggici dalle sofferenze fisiche e mentali, in questa vita"
Sofferenze fisiche: 1. Sofferenza della sofferenza (dolore fisico ad es.) 2. Sofferenza del cambiamento 3. Sofferenza che tutto pervade (è nella natura stessa del corpo la sofferenza, un corpo privo di sofferenza è detto "corpo non contaminato" ): ecco che essere attaccati al corpo = essere attaccati alla sofferenza.
Sofferenze mentali: 1. Sofferenza di incontrare ciò che non si vuole 2. Sofferenza di separarsi da ciò che si vuole 3. Sofferenza di non ottenere ciò che si vuole.

SO HA "Concedici tutto questo, sin da subito!"
Il mantra andrebbe ripetuto varie volte al giorno: invocando la divinità tutelare noi la avviciniamo. Tara ha completamente superato l'ignoranza e guarda agli esseri con amore, capisce immediatamente ogni invocazione grazie alla sua chiaroveggenza e chiaroudienza.




Buddhismo tantrico: denominato anche Tantrayana (Veicolo del Tantra) o Vajrayana (Veicolo di Diamante), rappresenta la via esoterica del Buddhismo per giungere all'illuminazione. Diffuso soprattutto in Tibet e nelle regioni himalayane in generale (ma anche in Manciuria, Mongolia, Cina, Giappone, ecc...), prevede uno stretto legame tra maestro e discepolo e conferisce particolare importanza ai mantra (ripetizioni di formule sacre rituali), alla meditazione con i mandala (diagrammi circolari che rappresentano micro e macrocosmo) e ai mudra (posizioni rituali delle mani). Il termine tantra (lett. "trama ed ordito") fa riferimento ai testi indiani tradizionali che ne compongono la base dottrinale, in questa Via di realizzazione si è soliti meditare immedesimandoci con la divinità che si vuole venerare (Tara è una delle divinità più venerate).
Il Buddhismo tantrico tibetano a volte è definito "Lamaismo" (in Tibet "bla-ma" = maestro); l'ordine più noto in Occidente è il bKa'-brgy-ud-pa istituito dall'asceta Marpa (un suo famoso discepolo è Milarepa), altri ordini sono i "Berretti Rossi" (Sa-skya-pa) e i "Berretti Gialli" (dGe-lugs-pa), quest'ultimi in particolare col tempo diventati maggioritari e a cui vertici gerarchici risiedono il Dalai Lama - reincarnazione di Avalokitesvara e il Panchen Lama - reincarnazione del Buddha Amithaba. In merito al tema delle quattro direzioni (che è centrale negli insegnamenti del Progetto Raphael) esiste per i buddisti tibetani un guardiano per ogni direzione spaziale (in sanscrito: Lokapala - in tibetano: Gyalchen deshi):
1) Vishravana (tib. Nam Those) di colore giallo (la vegetazione che muore), guardiano del nord e della frontiera tra manifesto e non manifesto, è il protettore degli yak; 2) Dhritarashastra (tib. Yul Khorsung) di colore bianco (la chiara luce dell'alba), guardiano dell'est e della frontiera fra la nascita e la morte, è il re dei musici celesti;3) Virudhaka (tib. Phak Hyapo) di colore verde (lussuria e vitalità), guardiano del sud e della frontiera fra l'immortalità e l'esistenza condizionata dal passare del tempo, è il sovrano degli spiriti maligni; 4) Virupaksha (tib. Mig Midog) di colore rosso, è il re dei Naga e guardiano dell'ovest e della frontiera fra essere e non-essere.


Donne di Illuminazione

"Donne di Illuminazione"
di Carla Gianotti
(Astrolabio Ubaldini Edizioni)



"Mantras from Tibet - OM TARA - CD"
di Sarva Antah
(Oreade Music)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza