Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 193

"Terra, pianeta del mystero"

Il nostro pianeta Terra, lungi dall'essere interamente conosciuto grazie alle ricerche effettuate dalla scienza ufficiale, è colmo di misteri che risultano completamente inspiegabili se prendiamo per buone - ad esempio - la teoria darwiniana dell'evoluzione della specie o le cronologie comunemente accettate nei libri di storia. Aver una certa consapevolezza di quanti fenomeni inspiegabili e luoghi misteriosi esistano sul nostro pianeta, aiuta ad andare oltre alla comune visione orizzontale dell'essere umano, scollegata da Dio e dalla realtà cosmica che lo circonda.

Di seguito alcuni dei principali "mysteri" insoluti (il termine mystero è un omaggio al personaggio fumettistico di Martin Mystère che ha ampiamente contribuito a diffondere la conoscenza di tutto ciò che di insolito esiste "tra cielo e terra"... ), l'ordine segue quello della figura centrale partendo da sinistra in alto e procedendo in senso orario:

Piramidi d'Egitto - il fascino delle piramidi origina soprattutto dall'enigmatica Piramide di Cheope, la più grande piramide del mondo, le cui misure nascondono precise indicazioni matematiche di ordine astronomico e una sorta di cronologia della storia del pianeta; la sua costruzione sembra risalire a 12.000 anni fa e il suo reale uso è certamente di natura strettamente iniziatica e non funeraria. La disposizione delle 3 piramidi nella piana di Giza è la perfetta raffigurazione terrena della cintura Orione (rappresentante Osiride), inoltre la precisione nella costruzione e nell'orientamento sfida anche le più recenti tecnologie.
Pila di Baghdad - ritrovata nel 1936 dall'archeologo dilettante William Koenig (nelle rovine archeologiche di un villaggio di circa 2000 anni fa, alla periferia di Baghdad) è una ben congegnata batteria elettrochimica!
Atlantide - citiamo qui il mystero del continente perduto di Atlantide in quanto è uno dei temi portanti della serie del BVZM (Buon Vecchio Zio Martin), rimandiamo però alla trattazione dell'incontro n° 185.
Stonehenge - il complesso megalitico di Stonehenge è noto in tutto il mondo e costituisce una specie di computer astronomico di alta precisione che sfida l'immaginazione (con pietre pesanti tonnellate originarie da centinaia di km di distanza)
Isola di Pasqua - probabilmente vestigia dello scomparso continente di MU (ved. incontro n°186), quest'isola - detta dagli indigeni Rapa Nui - presenta delle gigantesche e misteriose teste di pietra, i Moai, e una scrittura simbolica - detta Rongo Rongo - analoga a quella presente su sigilli della Valle dell'Indo!
Meccanismo di Antykithera - rinvenuto nel 1900 in una nave affondata attorno all'80 a.C. al largo di Creta, si tratta di un meccanismo sofisticato composto da oltre 30 ingranaggi, in pratica una sorta di computer astronomico in grado di determinare la relazione tra la Terra, il Sole, la Luna e le stelle, realizzato però in un'epoca in cui non sarebbe dovuto esistere.
Linee di Nazca - l'altopiano di Nazca, in Perù, è costellato da complessi disegni praticamente invisibili da terra e concepiti per essere avvistati solo dall'alto. I disegni risalgono a migliaia di anni fa e l'area è decisamente estesa, si pensa fosse un'area di atterraggio per astronavi.
Triangolo delle Bermuda - conosciuta anche come "Triangolo Maledetto", la zona tra Grand Bahama, Puerto Rico e l'isola Bermuda costituisce un mistero fino dal 1492, cioè da quando nei diari di bordo di Cristoforo Colombo si legge che in quella zona le bussole cessavano di funzionare e meravigliose strisce di fuoco cadevano dal cielo. Il 5 dicembre 1945 si ha in questa zona la sparizione di 5 aerei TBM Avengers della marina americana durante un'esercitazione e da allora il Triangolo delle Bermuda diviene noto in tutto il mondo, ad esso si collegano molte altre sparizioni di navi accadute in passato, alcune ritrovate completamente prive di equipaggio; ad oggi sono documentate circa 150 tra navi ed aerei svaniti nel nulla.
Teschio di Cristallo - detto anche "Teschio del Destino" è un manufatto straordinario (proprietà Mitchell-Hedges) formato da un unico blocco di cristallo di rocca. Secondo informazioni ricevute per via psichica è una sorta di enorme banca dati che, insieme ad altri manufatti simili - alcuni già ritrovati - rappresenta una biblioteca ancestrale dove sono riportati nozioni cosmogenetiche, la storia completa di questo pianeta e dati precisi sull'intervento di altre civiltà extraterrestri nella genesi dell'uomo.
Carta di Piri Rèis - carta geografica dell'Ammiraglio Piri Ibn Haja Memmed raffigurante dettagliatamente le coste americane in un'epoca (1513) in cui non erano ancora state cartografate e addirittura le terre dell'Antartide coperte dai ghiacci (impresa realizzata solo nel nostro secolo).

Il numero di mysteri che popolano il pianeta è praticamente incalcolabile, citiamo ancora: il Mostro di Loch Ness (più familiarmente noto come Nessie, è stato avvistato centinaia di volte ed anche fotografato, alcuni scienziati ipotizzano possa essere un dinosauro marino sopravvissuto all'estinzione), lo Yeti (noto come Abominevole Uomo delle Nevi e ben conosciuto agli Sherpa nepalesi che lo chiamano Metchkangmi, è stato avvistato anche da esploratori europei tra i quali il famoso scalatore Eric Shipton, che nel 1951 ne fotografò la gigantesca impronta sulla neve, lunga 38 cm e larga 24), il Bigfoot (o Sasquatch, misterioso ominide delle Montagne Rocciose), le piramidi di Teotihuacan, l'astronauta di Palenque, la città di Machu Picchu, il complesso di Tiahuanaco, l'esplosione nucleare di Tunguska del 1908, l'Arca dell'Alleanza, ecc...


"Il Grande Libro dei Misteri"
di Roberto La Paglia
(Xenia Edizioni)



"Misteri e Leggende"
di Fulvio Mocco
(Federico Capone Edizioni)



"Le Pietre di Ica"
C.Petratu, B.Roidinger
(Mediterranee Edizioni)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza