Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 197

"Reticolato terrestre e linee sincroniche"

Nello scorso incontro abbiamo parlato delle griglie planetarie e adesso approfondiremo un poco l'argomento inerente gli altri reticolati energetici presenti sulla Terra e in particolare quello legato alle linee sincroniche.

Secondo la visione della Comunità di Damanhur (che ha condotto ricerche specifiche sulle linee sincroniche - ved. il sito principale all'indirizzo web http://www.damanhur.info/), le linee sincroniche rappresentano dei "grandi fiumi di energia che circondano il nostro Pianeta e lo collegano all'Universo. Sono organizzati in un reticolo composto da nove linee verticali e da nove orizzontali che gli antichi cinesi chiamavano la "Schiena del Drago". Le Linee Sincroniche trasportano pensieri e idee e attraverso di esse è possibile collegarsi a qualsiasi punto del pianeta. La Terra è attraversata da diciotto Linee principali: nove con direzione Nord-Sud e nove con direzione Est-Ovest".

Come per le nadi del corpo umano, l'intersecarsi di due o più linee determina un punto di regolazione dell'intero sistema energetico (per le linee sincroniche si parla di "nodo splendente"). Sui percorsi delle linee sincroniche ed energetiche del pianeta si sono stanziate civiltà, si sono eretti monumenti sacri e templi dedicati al divino e sono avvenute le più importanti migrazioni dei popoli che hanno abitato la Terra; queste linee infatti catalizzano il flusso degli eventi in quanto sono tracciati privilegiati delle sincronicità spazio-temporali.
Nel loro insieme queste linee costituiscono una sorta di sistema nervoso della Terra, in quanto veicolano nel loro flusso pensieri ed emozioni collettive, e - come sopra accennato - possono accelerare il corso degli avvenimenti intervenendo sulle probabilità.

La rete di linee sincroniche non ha una natura propriamente elettromagnetica bensì - potremmo dire - psicoenergetica ("sono linee nelle quali viaggiano la conoscenza, l'immaginazione, il linguaggio emozionale, l'elevazione dello spirito, le trasformazioni dal punto di vista psichico, l'accesso alle altre dimensioni e la sostanza-non-sostanza, cioè quella forma di energia sottile che è modellabile con il pensiero"); seguendo un criterio di similitudine tra il corpo umano e il pianeta possiamo asserire che esistono varie tipologie di reticolati energetici, come nel corpo coesistono i tracciati dei meridiani dell'agopuntura, le nadi (canali di energia) della tradizione vedica, le linee di Calligaris, ecc...così nella Terra possiamo trovare tracciati energetici di ordine e natura differente, molti dei quali conosciuti alle civiltà che ci hanno preceduto e - in epoca più recente - anche ai costruttori delle cattedrali.

Il corretto funzionamento del reticolato energetico terrestre è importantissimo per la salute del pianeta e dei suoi abitanti: oggi purtroppo tale funzionamento è gravemente ostacolato da costruzioni e comunità moderne edificate senza alcun rispetto del sacro e dalla continua creazione di forme pensiero dense e negative. Esistono e sono sempre esistiti dei veri e propri "guaritori della Terra" che, in maniera organizzata all'interno di un culto specifico o in maniera indipendente ed individuale, aiutano il pianeta a riequilibrarsi intervenendo come farebbe un agopuntore su di un corpo umano. Di seguito citiamo alcuni reticolati scoperti nei primi decenni del novecento:

  • Nel 1921 Alfred Watkins intuisce l'esistenza di una correlazione invisibile tra certi luoghi di culto, sentieri e megaliti della zona di Blackwardine, Herefordshire (Inghilterra), nasce così il concetto dei "Leys" tutt'oggi utilizzato in Archeologia; in pratica si è potuto verificare che esistono lunghe linee rette di congiunzione ed allineamento tra vari luoghi sacri del Neolitico, linee che hanno, appunto, ricevuto il nome di Leys. I Leys tracciano le linee energetiche della Terra ed i megaliti collocati su di esse costituiscono dei relé di regolazione tellurico-cosmica, pensate che solo nella zona di Carnac (in Francia) vi sono tremila menhir allineati per chilometri!

Nel 1936 il filologo francese Xavier Guichard pubblica il libro "Eleusis-Alesia" dove riporta la scoperta di misteriosi allineamenti esistenti tra paesi di tutta Europea accomunati da alcune peculiari caratteristiche: l'assonanza nel nome con la parola "Alesia" e la collocazione in vicinanza di fiumi, pozzi o fonti di acque minerali. Nell'antico idioma indoeuropeo alis significa asilo, rifugio, ed è straordinario verificare come esistano molte città che richiamano tale vocabolo nel loro nome e come tutte convergano verso una cittadina della Francia meridionale oggi nota come Alise-Saint-Reine e un tempo chiamata Alesia (ad Alise si trova la "Fontana inesauribile di Santa Regina" che, si narra, ha guarito 50.000 ammalati).Tra le città allineate troviamo Alassio in Liguria, Aliso in Corsica, La Aliseda in Spagna e molte altre; è probabile che il "ristoro" possibile in queste località non sia solo di tipo fisico per eventuali pellegrini, ma che possa essere soprattutto di natura spirituale in virtù delle caratteristiche energetiche di questi luoghi collocati in punti speciali del reticolato terrestre.


Il reticolato delle linee sincroniche studiato a Damanhur


"Le Catene Lineari del Corpo e dello Spirito"
di Giuseppe Calligaris
(Associazione Culturale Aquarius)



"Luoghi Magnetici e di Potere"
di Giuditta Dembech
(L'Ariete Edizioni)



Corso completo di Geobiologia

"Corso completo di Geobiologia"
di Jocelyne Fangain
(Il Punto d'Incontro Edizioni)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza