Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 207

"L'enigma delle piramidi"

Come siano riusciti gli antichi Egizi ad edificare una struttura che occupa un'area di 5,3 ettari, che si innalza verso il cielo per circa 145 metri, che è composta da due milioni e mezzo di massi e che complessivamente pesa 6 milioni e 500 mila tonnellate, non può essere chiaro alla limitata visione storica e antropologica della scienza contemporanea...
Le tre piramidi di Giza non erano certamente tombe regali fatte costruire dal faraone Cheope (Khufu), da suo figlio e dal nipote circa 4500 anni fa, come vorrebbe asserire l'egittologia ufficiale, infatti (A) in nessuna delle piramidi è mai stato trovato il cadavere di un faraone, (B) gli stessi sacerdoti egizi dissero apertamente allo storico greco Erodoto che Cheope non era mai stato seppellito nella Grande Piramide ed inoltre (C) la straordinaria fattura dei tre colossi di Giza differisce notevolmente dalle piramidi successive, piccole e imprecise.
Già in un'iscrizione attribuita a Cheope, sulla Stele dell'Inventario della XXI dinastia (custodita nel Museo del Cairo), si legge che la Grande Piramide e la Sfinge esistevano da molto prima che Cheope salisse al trono, ed il celebre medium e chiaroveggente americano Edcar Cayce (1877-1945) affermava che la Grande Piramide fu costruita dagli Atlantidei in un arco di tempo compreso tra il 10490 e il 10390 a.C.

La straordinarietà della Grande Piramide, e le profonde conoscenze dei suoi costruttori, sono deducibili dall'analisi dei codici matematici ed astronomici in essa racchiusi:
l'altezza della piramide sta all'area di base come il raggio di un cerchio sta alla sua area; i quattro lati del monumento sono orientati verso i punti cardinali con un'approssimazione inferiore ad un decimo di grado; la collocazione della Grande Piramide è perfettamente ad un terzo della distanza tra l'Equatore ed il Polo nord; dividendo il perimetro della struttura per il doppio della sua altezza si ottiene 3,1416 cioè il valore di Pi Greco; l'altezza e il perimetro di base della piramide hanno le stesse proporzioni esistenti tra il raggio polare della Terra e la sua circonferenza all'equatore (rapporto 1:43.200); la somma dei lati di base della piramide indica il numero dei giorni di un anno, ossia 365,240 pollici egiziani antichi. L'altezza moltiplicata per dieci milioni dà come risultato la distanza approssimata tra il Sole e la Terra; raddoppiando la lunghezza dei quattro lati della piramide otteniamo quasi esattamente la misura equivalente un sessantesimo di grado alla latitudine dell'equatore (in metri la cifra corrisponde a 1842,92 mentre la cifra attuale è di 1842,78); l'inclinazione dell'asse di rotazione della terra varia progressivamente nel tempo e raggiunge la sua posizione originale ogni 25827 anni, la stessa cifra che risulta (con leggera approssimazione: 25826,26) sommando le diagonali della base.

La civiltà dei "Figli degli Dei", che ha costruito migliaia di anni fa le piramidi maggiori ed una serie di costruzioni megalitiche in tutto il pianeta, non è di origine terrestre; al proposito è interessante notare che sulla superficie di Marte, nell'area di Cydonia, sono stati osservati i profili di oggetti simili alle piramidi ed un viso simile a quello della Sfinge (!).
Non è un caso, quindi, che tutti questi complessi (da Giza a Teotihuacan, da Mohenjo Daro a Tiahuanaco, ecc...) rispecchino nella loro distribuzione geografica e nella conformazione architettonica precisi cammini stellari e geometrie di costellazioni celesti (ved. incontro n° 206).

Ripercorrendo le scoperte di archeoastronomia legate all'egittologia troviamo che già nei primi anni '60 l'egittologo Alexander Badawy e l'astronoma Virginia Trimble si accorsero che il condotto a Nord puntava la stella polare (al tempo alfa draconis della costellazione del Drago), mentre quelli a Sud puntavano verso le tre stelle della cintura di Orione/Osiride (Al Nitak, Al Nilam, Mintaka) e verso la luminosa Sirio/Iside.
Nel 1984 è invece l'ingegnere belga Robert Bauval a proporre una nuova evidente simmetria con il cosmo (divulgata dal giornalista inglese Graham Hancock nei libri "Il mistero di Orione" e "Lo specchio del Cielo"): guardando attentamente dall'alto la piana di Giza si può osservare che la posizione delle tre piramidi rispetto al Nilo è l'esatta immagine riflessa delle tre stelle della cintura di Orione e della Via Lattea; la cosa straordinaria è che cielo e terra combaciavano in questo modo soltanto nell'anno 10.500 a.C. a causa del variare della posizione delle stelle dovuto alla Precessione degli Equinozi. [Lo spostamento dei riferimenti equinoziali deriva dal lento movimento oscillatorio dell'asse terrestre]

La conferma della datazione antichissima di questi monumenti ammirati fin dall'antichità (la Grande Piramide è l'unica delle sette meraviglie del mondo ad essere ancora in piedi) ci giunge dallo studio dell'età della Sfinge - degna, misteriosa compagna delle piramidi della piana di Giza: alla fine degli anni '70, l'americano John Antony West divulga l'idea che la Sfinge non può avere la datazione ufficiale del 2.500 a.C. perché mostra degli imponenti segni di erosione dovuti a piogge torrenziali (rilevati con certezza da Robert Schoch, esperto paleontologo e stratigrafo) e tali precipitazioni risalgono a migliaia di anni prima della datazione sopra citata. Inoltre la Sfinge volge il suo sguardo enigmatico perfettamente ad Est, fissando il punto preciso dell'alba all'equinozio di primavera, ma solo nel 10.500 a.C. il Sole primaverile aveva come sfondo la costellazione del Leone (a cui la Sfinge fa evidente riferimento)!

In merito alla funzione esoterica delle piramidi riportiamo dei brevi estratti dal libro autobiografico "Iniziazione: memorie di un'Egizia" di Elisabeth Haich (ved. incontro n° 200):

"Le piramidi, soprattutto quella grande, sono costruite secondo varie leggi matematiche ed astronomiche, per poter anche servire da orologio e da calendario. Inoltre, il fatto che le superfici laterali si elevino dalla base ad un angolo di 51° consente alle piramidi di riflettere i raggi del sole e proiettarli lontano, verso il mare ed il deserto; sicché fungono anche da fari [a parlare è il Faraone Atothis, padre nell'Era del Toro di colei che oggi si è reincarnata come Elisabeth Haich]. Tutte le leggi su cui sono state costruite, così come la storia di coloro che le hanno edificate, sono tracciate sulle tavolette di ceramica che le ricoprono, e quando i figli degli uomini ne decifreranno la scrittura conosceranno tutte queste verità, le leggi matematiche ed astronomiche, i misteri delle piramidi e tutta la nostra scienza; ma durante le ore buie della Terra questi scritti scompariranno, ed i figli degli uomini dovranno scoprire tutte queste verità da sé."
"La grande iniziazione [operata all'interno della Grande Piramide] consiste nel condurre nel corpo tutte le correnti di energia che corrispondono ai sette gradi di coscienza, a cominciare dal basso, e poi progredendo via via fino all'energia creatrice divina suprema. Il candidato viene iniziato in tutte le energie: diventa cosciente su tutti i livelli" (...)
"Il mistero dell'iniziazione del tempio sarà protetto ancora per un po', ma quando gli uomini guidati da idee materialiste prenderanno sempre di più il potere sulla Terra, sigilleremo la piramide dell'iniziazione dall'interno con blocchi di pietra e smaterializzeremo la camera iniziatica. Il mistero dell'energia divina creatrice non deve in alcun caso cadere fra le mani dei non-iniziati. Coloro che penetreranno nella piramide fra migliaia di anni non troveranno nulla nelle camere chiuse dall'interno, assolutamente nulla, neppure scheletri umani."

Per approfondire www.edicolaweb.net/atlan15d.htm - www.cerchinelgrano.info/piramidi2.htm


"I Misteri dell'Antico Egitto"
Alberto Fenoglio
(Ed. KeyBook)



"La Storia Proibita"
J. Douglas Kenyon
(Macro Edizioni)



"Egitto segreto"
Paul Brunton
(Il Punto d'Incontro Edizioni)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza