Logo del sito Scienze Noetiche

Home Percorso ‘HOLOS’ Percorso ‘SYNTHESIS’ "Synthesis Online" "Arte del Manifesting" Mailing-list Chi sono Disclaimer

Progetto Raphael

Conferenze Online del Progetto Raphael

INCONTRO n° 227

"Sai Baba e gli Avatar"


Sathya Sai Baba (anagraficamente Sathya Narayana Raju) è un famoso mistico indiano nato il 23 Novembre 1926 in un piccolo villaggio vicino a Puttaparthi, nel centro-sud dell'lndia. Secondo quanto lui stesso ha affermato la sua è la seconda di una triplice Incarnazione: la prima è stata quella di Shirdi Sai Baba e la terza sarà quella di Prema Sai Baba, che si manifesterà otto anni dopo aver lasciato l'attuale corpo fisico. Nel 2021 all'età di 96 anni, Sathya Sai Baba lascerà il corpo entrando in mahasamadhi.

La biografia di Sai Baba è ricca di miracoli e fenomeni extra-ordinari, sarebbe stato concepito per intervento soprannaturale e fin da bambino avrebbe mostrato segni della sua straordinaria natura; sarebbe infatti onnisciente, onnipotente, capace di apparire contemporaneamente in più luoghi e di materializzare oggetti dal nulla, in particolare la famosa cenere sacra detta vibuthi, che più volte è stata vista comparire spontaneamente nei suoi ritratti.

I devoti di Sai Baba lo considerano un Avatar, cioè la manifestazione incarnata di Dio (vedi il riquadro a fondo pagina), esplica la sua attività principalmente nell'Ashram di Puttaparthi detto Prashanti Nilayam cioè "dimora della pace suprema". Migliaia di devoti da tutto il mondo si recano ogni giorno in India per incontrare Sai Baba ed avere un colloquio con lui; il suo fondamentale messaggio consiste nell'innalzamento dell'Amore a massimo precetto spirituale e nell'ideale di unificazione di tutte le religioni (come simboleggiato dal logo rappresentato nell'immagine): "C'è una sola religione: la Religione dell'Amore. C'è una sola casta: la Casta dell'Umanità. C'è un solo linguaggio: il Linguaggio del Cuore. C'è un solo Dio: Egli è onnipervadente".
Vediamo ulteriori informazioni in merito alla sua figura dalla pagina www.saibaba.it/varie/biografia.html

"Migliaia di persone sono state e continuano ad essere testimoni dei poteri sovrannaturali di Sathya Sai Baba, il quale senza aver mai studiato conosce tutte le Scritture, di tutte le religioni. Conversa con studiosi, filosofi, medici e scienziati di tutto il mondo dimostrando di conoscere più che a fondo tutte le scienze: fisiche, metafisiche e spirituali. Risponde alle domande del devoto, prima ancora che questi abbia la possibilità di pronunciarle. Conosce il passato, presente e futuro di ognuno; e lo dimostra continuamente. Appare spesso, contemporaneamente, in luoghi diversi. Sente le richieste di aiuto formulate da devoti sparsi in tutto il mondo e risponde immediatamente salvandoli da pericoli o difficoltà. Ha il potere di manipolare l'energia, e quindi di materializzare degli oggetti dal nulla, di modificarli o smaterializzarli, di guarire malattie incurabili e di agire sulle forze della natura e gli elementi; ma il suo più grande e indiscutibile miracolo è quello di riuscire a trasformare l'animo umano.
(...) Egli dice: "Non date importanza ai miracoli. Non esagerate il loro significato. La grandezza del mio potere non sta in questi miracoli, ma consiste solo nel mio Amore. Tutti i miracoli apparenti non sono che goccioline di quell'Oceano d'Amore. Non fatevi abbagliare da goccioline. Intravedete l'oceano e tuffatevi profondamente in esso." Sai Baba non appartiene ad alcuna religione e non ne propaga alcuna. Egli è solo nato in un contesto indù, ma la sua Missione trascende ogni istituzione religiosa, giacché intende dimostrare all'uomo la via che conduce alla presa di coscienza della Divinità, nel rigoroso rispetto degli insegnamenti spirituali universali.
(...) Ha fondato un sistema educativo (dalle elementari alle università) gratuito, dove insieme ai programmi ministeriali, vengono impartite lezioni di vita basate su 5 valori, da lui chiamati Valori Umani: Verità, Rettitudine, Pace, Amore e Non-violenza. Questi valori hanno lo scopo di far sì che lo studente si inserisca nel tessuto sociale restando fedele ai principi di onestà e rettitudine e al concetto di servizio ai bisognosi.
(...) Sai Baba è il fondatore della "Sathya Sai Organization" con sedi in tutto il mondo. L'Organizzazione comprende più di 30.000 centri sparsi in 137 nazioni e si esprime attraverso quattro Ali: Ala Spirituale, Ala Educativa, Ala Servizio ed Ala Giovanile.
L'opera di Sai Baba è caratterizzata dalla continua istituzione di ospedali, scuole e case per i poveri ed una costante assistenza gratuita."

Da qualche anno a questa parte sono emerse delle accuse nei confronti di Sai Baba soprattutto legate a molestie sessuali nei confronti di giovani maschi della comunità ed altre presunte frodi. E' difficile o impossibile sapere dove stia esattamente la verità, è probabile che pratiche sessuali siano state effettivamente espletate da Sai Baba (d'altronde alcune di queste contemplate nella tradizione tantrica) e non è certo se alcune delle sue famose manifestazioni di oggetti dal nulla (collane, orologi, lingam, ecc...) siano il frutto di una sorta di un abile gioco di prestidigitazione. Certo è che la sua figura ha ispirato e continua ad ispirare milioni di persone e se l'albero si riconosce dai frutti, ad oggi sono indubbiamente di più i frutti positivi che le "note stonate"; tutto questo ci offre però l'opportunità di fare delle interessanti riflessioni: ogni guida spirituale ha creato scompiglio nella comunità (locale o mondiale che sia) in cui si trova ad agire, da sempre si è cercato di mettere a tacere, imprigionare, calunniare, torturare, avvelenare o assassinare chi offriva una verità scomoda per i sistemi di poteri consolidati. Anche Sai Baba non può esimersi da questo, a causa delle sue affermazioni metafisiche volte alla liberazione dell'individuo e della risonanza che ha suscitato su tutto il pianeta in ogni ceto sociale.
Detto questo esaminiamo anche un altro aspetto della questione: siamo tutti calati in una realtà duale e al tempo stesso siamo tutti un'emanazione del divino (che è profonda ed intima Unità); anche gli individui più consapevoli della intrinseca unità tra Dio e l'essere umano (come ad es. Gesù) hanno accettato di vivere la dimensione duale, di ammalarsi dunque ed anche di soffrire... credo non esista guida spirituale incarnata che non risenta - più o meno consapevolmente - della dualità e dunque della necessità di manifestare in sé il bene e il male. Talvolta le guide più elevate sono anche le più difficili da sopportare umanamente (vedi ad es. gli atteggiamenti di Gurdjieff), ed in alcuni casi scelgono deliberatamente di shockare i propri discepoli per disidentificarli e fargli raggiungere prima lo stato di illuminazione (esempio di questo sono molti maestri Zen). Non sono assolutamente in grado di giudicare l'operato di Sai Baba, né voglio farlo, ritengo che siano nel giusto sia i devoti che lo osannano - se da lui hanno ricevuto ampi frutti positivi - sia i suoi detrattori se possono documentare ciò che affermano - in quanto offrono al Ricercatore l'altra faccia della medaglia di questa dimensione duale incarnativa. Il serio ricercatore non si scaglierà contro un'immagine od un simbolo al di fuori di sé, ma cercherà dentro se stesso la Vera Natura dell'errore, dell'imperfezione, del male e della morte!


Un Avatar è la manifestazione fisica di un Essere Divino e immortale, il termine deriva dal Sanscrito e significa "disceso"; nella tradizione induista consiste nell'incarnazione di una divinità in un corpo fisico per aiutare gli esseri umani nei periodi più difficili, in particolare del Dio Vishnu.
I due principali avatar di Vishnu sono Rama, l'eroe del Ramayana, e Krishna, il protagonista della Bhagavad Gita (il "vangelo Indù); sono due tra la manifestazioni del Divino più adorate e venerate tra gli Induisti proprio perché più vicine all'esperienza terrena comune, in tutto però vi sono 10 grandi manifestazioni di Vishnu - Maha Avatara- 1) Matsya, il pesce; 2) Kurma, la tartaruga o la testuggine; 3) Varaha, il verro o il cinghiale; 4) Narasimha, l'uomo-leone (Nara = uomo, simha = leone); 5) Vamana, il nano; 6) Parashurama, Rama con la scure o accetta o l'abitante della foresta; 7) Rama, Sri Ramachandra, il principe del regno di Ayodhya; 8) Krishna (significa scuro o nero); 9) sia Balarama che il Buddha Sakyamuni; 10) Kalki ("Eternità", "Tempo" o "Distruttore della Malvagità", atteso per la fine dell'attuale epoca Oscura o Kali Yuga.

Per approfondire: www.osssbi.org - www.saibaba.it - http://it.wikipedia.org/wiki/Avatar



"Sai Baba
Fiamma d'amore"

di R. Ganapati
(Mediterranee Edizioni)



"Buddha"
di Rudolf Steiner
(Libreria Editrice Psiche)



"La Saggezza dei Maestri"
R. & T. Abbott
(Elfi Edizioni)


 

Clicca qui o sull'icona per scaricare il file PDF della conferenza