Logo del sito Scienze Noetiche

Home “HOLOS” “SYNTHESIS” 240 Conferenze Raphael “SVILUPPO INTEGRALE” Mailing-list Chi sono Disclaimer

Libro: I Vampiri di Energia

SYNTHESIS 4
«Tradizioni Esoteriche» (Parte 1)


Tutto l'Universo ha una dimensione duale, possiamo infatti suddividere la realtà secondo categorie polari: materia ed energia, visibile ed invisibile, luce ed ombra, vita e morte, maschile e femminile, concretezza ed astrattezza e così via. Secondo i principi della cosiddetta Tradizione Universale o Filosofia Perenne (Philosophia Perennis) (*) esiste una dimensione interiore della realtà (esoterica, dal greco eso = interno) ed una dimensione esteriore (exoterica o essoterica, dal greco exo = esterno). I sensi fisici ed i metodi della scienza di matrice newtoniana possono indagare solo la dimensione esteriore della realtà, mentre l'essenza nascosta delle cose può essere esplorata dai sensi cosiddetti "sottili" (dall'intuizione fino alle percezioni extrasensoriali, in particolare la chiaroveggenza) e da una scienza di matrice noetica (capace, cioè, di coniugare i processi mentali logico-razionali ed analogico-simbolici).

Realtà interiore e realtà esteriore

(*) Si parla di Tradizione Universale o Filosofia Perenne per definire quella la Saggezza considerata senza tempo, di diretta ispirazione Divina, tramandata da ogni cultura secondo la propria specificità ma sostanzialmente identica nei principi (la realtà è multiforme ma ha un'unica origine, l'essere umano ha una dimensione spirituale e può risvegliarla, principio dell'immortalità dell'essere, ecc...).

Lo sviluppo di uno stato di coscienza più elevato permette all'essere umano di cogliere una sacra Armonia Divina dietro l'apparente casualità degli eventi, di acquisire cioè una visione esoterica. Il concetto di "esoterismo" è malvisto nell'attuale società perché, per lo più, è assimilato a segrete pratiche con lo scopo occulto di asservire individui e società. Niente di più sbagliato. Se ci rifacciamo al vero significato originario della parola, l'esoterismo non è altro che lo studio della dimensione non apparente della realtà e della vera natura dell'essere umano; il suo scopo è il conseguimento di uno stato di autentica libertà.

Attraverso la conoscenza delle leggi che regolano l'unità della Creazione, infatti, è possibile rendersi conto che il piano fisico è solo il risultato di ciò che si muove sui piani psichici e spirituali, è dunque un effetto e non una causa. Portando l'attenzione sulla dimensione causale dell'esistenza l'essere umano si riappropria della sua libertà. Contrariamente a quanto pensa la scienza ordinaria, non da processi biochimico-materiali emerge la coscienza, ma dalla coscienza (individuale e universale) emerge il mondo materiale! Ecco perché nella Bhagavad Gita l'Albero dell'Universo (in sanscrito: Ashwattha) ha le radici in alto e i rami verso il basso, ad indicare l'origine metafisica della Realtà, le cui radici risiedono, appunto, nell'Assoluto.

La realtà materiali ha le radici nell'essenza metafisica

La visione esoterica inverte la normale percezione delle cose: ciò che sembra sostanziale diventa apparente, la realtà di veglia diventa una realtà onirica e la realtà interiore assume così una posizione primaria e cardinale. Molto calzante, a questo proposito, è una frase dello psicologo ed esoterista svizzero Carl Gustav Jung: "Chi guarda fuori sogna, chi guarda dentro si sveglia!"

Lo studio delle dimensioni sottili dell'esistenza è stato appannaggio, in passato, di mistici, visionari, sciamani, sacerdoti ed iniziati, ma oggigiorno la fisica moderna e la medicina scientifica più avanzata stanno toccando una soglia, mai incontrata prima, di livello sempre più "esoterico": l'interazione tra la coscienza umana e gli eventi materiali e lo studio delle dimensioni extra-ordinarie. Nell'ex URSS questi studi sono particolarmente avanzati: scienziati come Grigori Petrovitch Grabovoi (laureato in meccanica e matematica applicata, membro dell'Accademia Russa delle Scienze) ed Arcadij Petrov (Presidente del Centro di Tecnologie Bioinformative di Mosca) sono stati capaci di codificare delle precise tecnologie mentali per ottenere la guarigione da malattie date per incurabili, ridare la vista ai non vedenti ed anche rigenerare organi del corpo precedentemente asportati, il tutto posto sotto verifica di organismi medici di controllo esterni.

L'antropologo Carlos Castaneda (1925-1998) si è trovato nella bizzarra situazione di provare a comprendere a livello razionale le pratiche di natura esoterica a lui presentategli dallo sciamano messicano Don Juan e, naturalmente, ha fallito. Solo quando ha rinunciato alla propria razionalità ha potuto accedere al mondo mistico degli antichi toltechi. Questo dovrebbe servire da monito a tutti coloro hanno intenzione di avvicinarsi a pratiche in cui la razionalità, ad un certo punto, deve essere lasciata da parte. Nel libro "Il fuoco dal profondo", Castaneda descrive così gli insegnamenti sulla doppia natura della realtà:

Castanedo e lo Sciamanesimo Tolteco

«[Don Juan mi spiegò] che non esiste un mondo di oggetti ma solo un universo di campi energetici che i veggenti chiamano le "emanazioni dell'Aquila" [NdR: l'Aquila è la forza che crea, distrugge e governa l'universo] e che ognuno di noi è avvolto in un bozzolo che racchiude una minuscola porzione di quelle emanazioni. (…) Che la consapevolezza dà luogo alla percezione, quando le emanazioni interne si allineano con le corrispondenti emanazioni in grande.

La quinta verità – proseguì – è che la percezione è canalizzata perché in ognuno di noi c'è un fattore chiamato "punto di unione". Don Juan mi spiegò che per poter mettere a fuoco il mondo che noi percepiamo, la nostra prima attenzione deve mettere in rilievo certe emanazioni. Queste emanazioni scelte provengono dalla stretta fascia in cui è localizzata la consapevolezza umana. Le emanazioni scartate restano ancora alla nostra portata però sono latenti, sconosciute all'uomo per tutta la vita.

I nuovi veggenti chiamano queste emanazioni poste in rilievo: il lato destro, la consapevolezza normale, il tonal, questo mondo, il conosciuto, la prima attenzione. L'uomo comune le chiama: realtà, razionalità buonsenso. Le emanazioni enfatizzate compongono larga parte della fascia dell'uomo ma sono soltanto una piccola componente dello spettro totale delle emanazioni presenti nel bozzolo.
Le emanazioni scartate all'interno della fascia dell'uomo sono considerate il preambolo dell'ignoto. L'ignoto propriamente detto consiste del resto delle emanazioni che non fanno parte della fascia umana e che non sono poste in rilievo. I veggenti lo chiamano: consapevolezza del lato sinistro, nagual, l'altro mondo, l'ignoto, la seconda attenzione

NOTA - Ci sono persone che negano la veridicità delle esperienze di Castaneda, personalmente non posso essere certo al 100% che abbia vissuto tutto quello di cui ha scritto, ma sono esperienze che ritengo ben possibili, per quanto al di fuori di ogni logica ordinaria.

L'Aquila - Carlos Castaneda

Le Tradizioni Esoteriche si occupano della sopra citata "seconda attenzione", mentre se osserviamo per un momento la nostra vita possiamo facilmente comprendere come quasi tutta la nostra attenzione sia catturata dal mondo fenomenico, dei sensi e delle forme, e come le maggiori nostre preoccupazioni siano rivolte ai problemi materiali. Eppure è proprio questa la cecità maggiore da cui siamo colpiti, la fonte di tutto il nostro dolore e di tutta la nostra sofferenza, poiché non possiamo trovare realizzazione in ciò che per sua natura è fallace ed effimero, bensì bisogna cercarla in ciò che è infallibile e perenne. Come in un iceberg la parte emersa e visibile è solo una piccola porzione dell'intero, così la realtà fenomenica è solo una piccola parte della grande Realtà Multidimensionale in cui siamo immersi e che pur restando invisibile ai nostri sensi è di gran lunga più meritevole di attenzione, in quanto è il Piano delle Cause.

Il Cammino di Risveglio alla Vera Realtà parte da noi stessi, come suggerisce la famosa frase scritta sulla facciata del Tempio di Apollo a Delfi: "Conosci Te Stesso" (in greco "Gnôthi seautón" - in latino "Nosce te ipsum"), che nella sua espressione completa suona così: "Uomo, conosci te stesso, e conoscerai l'universo e gli Dei". Ciò che è dentro di noi è riflesso specularmente fuori di noi e dunque vi è una strettissima correlazione tra micro e macrocosmo (come viene efficacemente enunciato nella Tavola Smeraldina di Ermete Trismegisto: "Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso, per fare il miracolo di una cosa sola").

Gnothi Seauton
Il motto "Conosci te stesso" rappresenta le quintessenza della visione esoterica

L'esoterismo è, dunque, lo studio della visione nascosta delle cose e l'iniziazione (che sia virtuale o reale) è il processo tramite il quale si imparare a morire per iniziare a vivere veramente. Come il regno delle cose manifeste viene studiato con la mente razionale (o mente inferiore - emisfero sinistro), il regno delle cose immanifeste è appannaggio della mente simbolica (o mente superiore - emisfero destro).

La Conoscenza della Vera Realtà è un processo graduale che porta a rovesciare completamente la visione ordinaria delle cose, e questo porta a degli ampi cambiamenti nella nostra Vita, che non potrà mai più essere quella di prima. Il percorso compiuto da colui che vuole risvegliarsi, definito spesso come "percorso iniziatico", si basa su tappe progressive che prevedono delle prove da superare ed il confronto con il proprio lato oscuro. La mitologia di tutti i tempi racconta questo percorso attraverso una sorta di unico e gigantesco mito, che illustra tappa per tappa il cammino dell'eroe cioè dell'iniziato.

In questo cammino quattro postulati fondamentali andranno sempre tenuti a mente: sapere, osare, volere, tacere (rappresentati nei Tarocchi come: coppe-Acqua, spade-Aria, bastoni-Fuoco, denari-Terra), senza i quali il Cammino non esiste affatto. In Occidente, nell'antichità, esistevano molti "Culti Misterici" in cui venivano trasmessi gli insegnamenti esoterici. Tali culti si differenziavano dalle religioni ufficiali in quanto praticati da gruppi ristretti (spesso appartenenti a classi subalterne, includenti anche donne e schiavi), prevedevano, inoltre, delle iniziazioni rituali e professavano la dottrina della rinascita e la possibile conquista dell'immortalità per l'essere umano.


Clicca qui per leggere o scaricare il PDF
con la dispensa gratuita su "Le Tradizioni Esoteriche"

Dispensa gratuita




 

Elenco lezioni del percorso Synthesis - Scienze Noetiche





Risveglio - Con gli esercizi delle Antiche Scuole Esoteriche
Questo libro è la sintesi del Corso di risveglio della Coscienza che Salvatore Brizzi propone in diverse città d'Italia e contiene tutti i relativi esercizi di « ricordo di sé » che settimanalmente vengono assegnati ai partecipanti del corso
Salvatore Brizzi
Edizioni Anima

 

 



Unità Trascendente delle Religioni
La Filosofia Perenne("Sophia Perennis") ci fa comprendere come tutte le religioni, in forme diverse, adorano lo stesso Principio Divino Universale
Frithjof Schuon
Edizioni Mediterranee

 

 



Iniziazione: Memorie di un'Egizia
L'Autrice, molto celebre in Europa per i suoi insegnamenti, racconta come prese coscienza d'una vita precedente, svoltasi all'incirca 7000 anni fa, nell'Antico Egitto ove ancora regnava un Faraone appartenente al Popolo dal cranio allungato, depositario di tutte le conoscenze di Atlantide
Elisabeth Haich
Edizioni Amrita

 

 



Dizionario del Mistero
Nuova edizione ampliata

Una guida al variopinto mondo dei misteri nel quale l'uomo ha sempre creduto; un'introduzione ai lati più occulti e affascinanti della vicenda umana. Il mistero ha infatti accompagnato la storia dell'uomo fin dai tempi più antichi, e fenomeni quali apparizioni, contatti con l'aldilà, infestazioni, sogni veridici, profezie, interventi magici sono tramandati da sempre presso tutti i popoli
Paola Giovetti
Edizioni Mediterranee

 

 



Iniziazione ai Culti Egizi
Divinità;, simboli, rituali, magia, amuleti, invocazioni

Dopo una panoramica storico culturale sulla civiltà egizia e sulle vicende che ne hanno contrassegnato le diverse epoche dal 10.000 a.C., l'autrice tratta delle credenze religiose degli antichi egizi, ne enumera le varie divinità, con caratteristiche ed attributi di ognuna, e ne descrive i diversi culti
Ada Russo Pavan
Edizioni Mediterranee

 

 



Lo Gnosticismo
Culti, riti, misteri

Un analisi dei tratti comuni presenti nel grande magma dello Gnosticismo che conduce il lettore attraverso un excursus storico-filosofico chiaro e documentato
Serge Hutin
Edizioni Mediterranee

 

 



Il Mondo del Sacro
Simboli. Oggetti. Strutture

Le verità archetipiche dei simboli più antichi, tramandatici nei secoli attraverso culti, miti, leggende di tutti i popoli del mondo
Solas Boncompagni, Maurizio Monzali
Edizioni Arkeios