Logo del sito Scienze Noetiche

Home Mappa Chi sono Synthesis Online Arte del Manifesting Mailing-list Disclaimer

FISICA DELLA COSCIENZA
«Fisica Quantistica e Coscienza»

Questo articolo articolo fa parte del percorso di crescita transpersonale e spirituale "Synthesis", creato dal dott. Nicola Saltarelli per conoscere sé stessi e andare oltre il velo della realtà ordinaria. Se volessi sostenere questo sito e cogliere un'opportunità straordinaria di trasformare la tua vita, iscriviti al percorso premium:"Synthesis Online".

La Fisica Quantistica è una moderna disciplina scientifica nata agli inizi del '900 a seguito della scoperta che l'energia non viene emessa ed assorbita in maniera continua, ma sotto forma di piccole quantità discrete, definite, appunto, quanti (dal lat. quantum = quantità). Per capire meglio questo concetto immaginiamo un flusso d'acqua da un rubinetto; noi ci aspettiamo che  l'acqua fuoriesca come un flusso continuo, ininterrotto, ebbene immaginate invece di vedere l'acqua fuoriuscire sotto forma di "goccioloni d'acqua", uno accanto all'altro ma ben delimitati tra loro...  un flusso continuo di energia sarebbe come il flusso ininterrotto d'acqua, mentre i "quanti" di energia sono i "goccioloni" che abbiamo ipotizzato.

Esempio di flusso continuo e flusso quantizzato

La scoperta dei quanti di energia, in sé per sé, non avrebbe determinato quella rivoluzione scientifica che invece la Fisica Quantistica ha generato, ciò che è straordinario sono le proprietà dei quanti, soprattutto dal momento in cui si è compreso che anche la materia (ad es. un elettrone) possiede una natura quantistica e quindi presenta le medesime proprietà.


LA DOPPIA NATURA ONDA-PARTICELLA

La proprietà più stupefacente è certamente la possibilità dei quanti di esistere sia sotto forma di corpuscoli che di onde, in pratica vi è la coesistenza di due stati che sono tra loro opposti e che non immagineremmo mai appartenere al medesimo oggetto fisico. La caratteristica delle particelle è quella di essere ben definite e di occupare una precisa posizione nello spazio (immaginate una pallina da tennis in una stanza), mentre quella delle onde è quella di essere diffuse (la mia voce nella stessa stanza si diffonderebbe dappertutto e non sarebbe localizzabile solo in un punto specifico). A complicare le cose sta il fatto che le onde di cui sono fatti i quanti non sono onde fisiche ma "onde di probabilità", per il momento tralasciamo però questo aspetto.

Esperimento delle due fessure e natura ondulatoria della luce

Come esempio dei quanti prendiamo i fotoni, cioè i quanti elettromagnetici che compongono, ad esempio, la luce del Sole, i raggi X, le onde radio.
Se noi facciamo filtrare un raggio di luce da una fessura vedremo la forma della fessura nello schermo retrostante, ma se facciamo filtrare il raggio da due fessure affiancate, ecco che nello schermo appaiono della bande chiare e scure che indicano come la luce uscita dalle fessure abbia interferito tra sé, allo stesso modo in cui le onde generate da due sassi gettati vicino in uno stagno creano interferenza tra loro quando si incontrano. Attraverso questo esperimento noi possiamo evidenziare la caratteristica ondulatoria della luce, in quanto se si fosse comportata come un flusso di corpuscoli avrebbe semplicemente disegnato due linee luminose affiancate.
Eppure quando osserviamo il comportamento di un fascio di luce proiettato su un metallo fotosensibile (cioè che genera corrente elettrica a seguito dell'irradiazione luminosa) notiamo che gli elettroni emessi dal metallo sono colpiti dai fotoni in modo quantizzato, cioè come se fossero delle particelle che trasportano con sè un preciso quantitativo di energia e che colpiscono gli elettroni a mò di palle da biliardo. In questo caso evidenziamo la natura corpuscolare della luce!

Ecco un'innovazione sconvolgente della Fisica Quantistica: per la prima volta nella storia (conosciuta) della Scienza, abbiamo delle evidenze sperimentali che uno stesso oggetto fisico può comportarsi in modo ambivalente ed opposto, la logica aristotelica secondo cui A deve essere diverso da non-A è infranta per sempre:  in questo caso A corrisponde a non-A. La luce è sia un'onda, sia una particella!


LA DIMENSIONE NOETICA

Vediamo adesso cosa determina lo spostamento dallo stato ondulatorio dei quanti a quello corpuscolare (definito in Fisica "collasso della funzione d'onda"), ebbene - al di là di tutte le aspettative degli scienziati - è proprio l'atto di misurare e quindi la coscienza dell'osservatore a determinare questo passaggio! Questo significa che non è più possibile parlare di una realtà soggettiva (la mente) che studia la realtà oggettiva (la materia), poiché le due realtà sono integrate tra loro e si influenzano!


Il collasso della funzione d'onda in Fisica Quantistica

Ecco che finalmente appare il Nous, la Coscienza, anche nell'ambito della realtà studiata dalla scienza moderna (che prima d'ora si era ben guardata dal considerare la dimensione soggettiva dell'essere). Adesso in ogni valutazione della realtà è necessario tener conto che chi osserva ha anche la capacità di influenzare ciò che sta osservando!

Avevamo già accennato al fatto che l'onda di cui stavamo parlando fosse in effetti un'onda di probabilità, per capire meglio questo concetto proviamo a visualizzare l'orbita di un elettrone attorno al nucleo atomico. Secondo il "modello planetario" dell'atomo (proposto dal fisico neozelandese Ernest Rutherford)  quest'orbita è ben definita istante per istante, come è ben definita la posizione della Terra attorno al Sole in ogni momento dell'anno. La Fisica Quantistica ha scoperto invece che non esiste un'orbita definita ma solo una probabilità - maggiore o minore - di trovare l'elettrone in una certa posizione attorno al nucleo. Nascono così gli orbitali atomici rappresentati come delle nuvole, in cui le zone più grosse hanno una maggior probabilità di identificare la posizione dell'elettrone in un dato istante e quelle più piccole una probabilità minore (ved. immagine sotto).


Rappresentazioni di orbitali atomici


Dove si trovi esattamente l'elettrone è impossibile dirlo fino a che non si effettua la misurazione, solo in quel momento il nostro elettrone esce dallo stato ondulatorio probabilistico ed entra nello stato corpuscolare definito, abbiamo cioè il collasso della funzione d'onda. E' sull'onda di queste scoperte che il fisico inglese David Bohm ha dedotto che la realtà non è oggettiva ma soggettiva e che l'universo e la materia come noi la conosciamo non è altro che una grande illusione creata dai sensi, un grande e dettagliato ologramma che Bohm definisce "Olomovimento" con i seguenti principi:

1. la materia è costituita da onde di energia organizzata da schemi che le donano una struttura;
3. la coscienza dell'uomo è in grado di far collassare le funzioni d'onda ed influire sulla realtà;
4. nell'universo non esiste alcune separazione ma tutto è profondamente connesso;
5. la realtà è diversa da come ci appare perché siamo limitati da filtri percettivi e cognitivi;
6. la realtà è un illusione in quanto ne percepiamo una minima parte.

La Fisica dei Quanti (o Meccanica Quantistica) ha profondamente rivoluzionato l'approccio della scienza alla realtà e la visione della realtà stessa. Questo è un dato innegabile, condivisibile anche da chi critica la correlazione tra fisica quantistica e noetica... La rivoluzione sta nella verifica sperimentale di proprietà dei costituenti intimi della materia/energia che sono del tutto controintuitive, ad esempio:

  • a livello subatomico non esiste una realtà obiettiva ma uno stato indeterminato che sperimentalmente acquisisce determinazione quando viene osservato (misurato);
  • il principio di causalità (a causa precisa segue un effetto preciso e determinabile) non è applicabile a questo livello della realtà, in cui i processi sono sostanzialmente acausali e probabilistici;
  • è possibile una comunicazione istantanea tra particelle indipendentemente dalla loro distanza nel tempo e nello spazio (entanglement);
  • ogni stato fisico è caratterizzato da una sovrapposizione di più stati copresenti (superposizione);
  • è stata verificata l'esistenza di un limite all'osservazione della realtà, che è intrinseco alla realtà stessa e che non dipende dall'accuratezza degli strumenti di misurazione (ved. il principio di indeterminazione di Heisenberg).

I concetti sopra enunciati sono inconcepibili in un universo basato sulle concezioni classiche, newtoniane, della realtà!

"Il concetto di oggetto materiale, di costituzione e natura indipendenti dall'osservatore,
è estraneo alla fisica moderna la quale, obbligata dai fatti,
ha dovuto rinunciare a questa astrazione" Wolfgang Pauli

Indubbiamente la Fisica Quantistica non è stata accettata di buon grado neppure dagli stessi fisici, molti di coloro che hanno contribuito alla sua formulazione ne hanno poi prese le distanze. E' corretto dire che, salvo le debite eccezioni, è stata una teoria "subita"! Non a caso Einstein disse, in tono severo: "Più la teoria dei quanti ha successo, più sembra una sciocchezza" e Schrödinger: "Non mi piace, e mi spiace di averci avuto a che fare".

Detto questo, ciò che fa infuriare le menti scientiste e positiviste (*) è il salto tra le condizioni verificate a livello subatomico e i processi macroscopici che costituiscono la realtà sperimentabile dai sensi. Sebbene sia vero che i fenomeni quantistici hanno delle ripercussioni osservabili (effetto tunnel nei diodi, superfluidità, superconducibilità) è vero anche che il salto concettuale sopra esposto è scientificamente non corretto!

Personalmente riconosco che si parla con molta leggerezza delle teorie quantistiche in rapporto a concezioni metafisiche e, talvolta, io stesso faccio delle esemplificazioni un po' azzardate in ambito strettamente divulgativo (in articoli o conferenze); spesso emerge anche che chi parla di queste tematiche non possiede una solida base scientifica di fisica ma solo qualche vaga idea estrapolata qua e là. Tutto questo genera una legittima rabbia e diffidenza da parte dei cultori della scienza, allo stesso tempo - dal mio punto di vista - il potenziale della mente esiste davvero ed esistono anche i cosiddetti fenomeni paranormali (dalla telepatia, alla chiaroveggenza alla psicocinesi), anche se non abbiano una teoria scientifica in grado di spiegarli adeguatamente.

Atomo su sfondo galattico

Per me la FQ è una teoria, incompleta e immatura, che però ha il grande vantaggio di aver iniziato ad aprire le coscienze dell'umanità a un nuovo paradigma, sia scientifico che culturale (grazie alle discussioni filosofiche che ha stimolato). Probabilmente non è legittimo il passaggio di alcuni concetti dal "microcosmo" subatomico al "macrocosmo" sensoriale, allo stesso tempo come sono stati verificati fenomeni di entanglement tra particelle (famoso è l'esperimento di Alain Aspect e della sua equipe, nel 1982), così sono stati verificati fenomeni di entanglement telepatico (ved. esperimenti del neurofisiologo Grinberg-Zylberbaum )!

"E', per ora, la migliore teoria che possediamo,
però non credo che sopravviverà indefinitamente nel futuro." Paul Dirac (1975)

Ritengo che la fisica evolverà moltissimo e, in futuro, potrà portare luce su fenomeni che oggi appaiono inspiegabili, ma ciò che è davvero importante è la possibilità di verificare nella propria vita la bontà di certe affermazioni: credo che questo sia l'unico vero modo per validare o meno - per se stessi - le teorie noetiche e spirituali sulla natura dell'essere umano e della realtà stessa.

(*) Scientismo = concezione secondo cui nessuna conoscenza è accettabile se non verificata dal metodo scientifico.
Positivismo = concezione filosofica che basa lo studio del mondo su ciò che è reale, concreto e sperimentabile (c'è chi lo considera una sorta di "religione della scienza").


L'articolo sopra riportato è molto divulgativo e contiene, necessariamente,
delle generalizzazioni e delle semplificazioni.
Per un spiegazione più approfondita della Fisica Quantistica clicca qui

Il mondo incredibile della Fisica Quantistica

Torna in cima

Scienze Noetiche Synthesis - Percorso di Risveglio


Dicibile e Indicibile in
Meccanica Quantistica

Quale realtà possiamo attribuire ai mattoni microscopici che costituiscono la materia?
John S. Bell
Adelphi Edizioni


 

 

Medicina Quantistica
La medicina attraverso la Fisica dei Quanti - Seconda edizione
Piergiorgio Spaggiari - Caterina Tribbia
Tecniche Nuove Edizioni


 

 

Bleep - Ma che ... bip...
sappiamo veramente!?

Alla scoperta delle nostre infinite potenzialità per modificare la realtà quotidiana
W.Arntz, B. Chasse, M.Vicente
Macro Edizioni


 

 

La Mente di Dio DVD
Questo video illustra, in base alle scoperte più recenti della meccanica quantistica, come l'Universo sia una entità retta da leggi fisiche di causalità continuamente interfacciate con leggi fisiche di sincronicità
Massimo Teodorani
Macro Video


 

 



La Danza dei Maestri Wu Li
La fisica quantistica e la teoria della relatività spiegati senza l'aiuto della matematica. Nuova edizione
Gary Zukav
Edizioni Corbaccio


 

 



Il Tao della Fisica
La fisica moderna a confronto con le filosofie mistiche orientali
Fritjof Capra
Edizioni Adelphi


 

 


Vai al percorso Synthesis Online


Corso sulla Comunicazione

Esoterismo e Iniziazione
31 Agosto 2014