Logo del sito Scienze Noetiche

Home Mappa Chi sono Synthesis Online Arte del Manifesting Mailing-list Disclaimer

SIMBOLOGIA
«Archetipi della Mitologia Greca»

Questo articolo articolo fa parte del percorso di crescita transpersonale e spirituale "Synthesis", creato dal dott. Nicola Saltarelli per conoscere sé stessi e andare oltre il velo della realtà ordinaria. Se volessi sostenere questo sito e cogliere un'opportunità straordinaria di trasformare la tua vita, iscriviti al percorso premium:"Synthesis Online".


La dimensione mitologica dei 12 Archetipi


Ogni popolo del pianeta possiede una propria mitologia che costituisce la rappresentazione simbolica degli archetipi psichici universali, messi a fuoco attraverso le caratteristiche specifiche di quella determinata civiltà. Per noi occidentali europei - soprattutto dell'area mediterranea - la mitologia di riferimento è quella greca, il cui studio permette una maggior conoscenza e padronanza della nostra psiche. Vediamo di seguito le divinità connesse ai 12 elementi dell'Archetipologia Arcangelica.



Ares - Marte

  

Figlio di Zeus e di Era, è il dio della guerra nella sua accezione più spietata (mentre Athena-Minerva era più la dea della guerra combattuta per il trionfo della giustizia, servendosi soprattutto dell'intelligenza). L'aspetto di Ares è quello di un guerriero con un'armatura di bronzo un elmo scintillante dalla lunga criniera, una lancia, una spada, uno scudo di cuoio. Fu amante di Afrodite, da cui ebbe più figli: Armonia, Eros(Amore passionale), Anteros (Amore corrisposto), Deimos (Terrore)e Fobos (Paura).



Kronos (Crono) - Saturno

  

Il più giovane dei Titani, figlio di Urano e di Gea. Kronos, con l'aiuto della madre, si ribellò ad Urano ed evirò il padre prendendone il posto. Kronos si unì poi con la sorella Rea e generò sei figli: Ade, Demetra, Era, Estia, Poseidone e Zeus (che a sua volta spodestò il padre). Secondo una leggenda orfica Zeus, riappacificatosi col padre, lo avrebbe condotto ai confini del mondo affidandogli il regno dell'Isola dei Beati, dove ancora sopravvive l'Età dell'Oro.    



Hades (Ade) - Plutone

    

Figlio di Crono e di Rea, fratello di Zeus, era il dio del Regno dei Morti (detto Averno, Ade o Erebo). Hades (che significa "l'invisibile") rapì Persefone, figlia di Demetra e ne fece la sua sposa. Nell'Oltretomba, oltre al traghettatore Caronte e al cane tricefalo Cerbero, varie terribili divinità sorvegliavano i dannati: Tanatos (la morte), Hypnos (il sonno) e le tre Furie o Erinni, dee della vendetta e della persecuzione, dai crini pieni di serpi e dalle mani armate di flagello e di fiaccole accese.



Selene - Luna

  

Dea della luna, figlia di Iperione e di Teia, sorella di Elios (Sole) e di Eos (Aurora), apparteneva alla famiglia dei Titani. Percorreva il cielo sopra un carro tirato da quattro buoi bianchi per portare agli uomini la sua argentea luce. Venne confusa poi con Artemide ed Ecate (dea che presiedeva durante la notte ai crocicchi e ai trivi).



Zeus - Giove

    

Figlio di Kronos e di Rea (Cibele), diventa re degli dei olimpici quando dopo una lunga lotta si impadronisce del trono del padre e lo costringe a vomitare i suoi cinque fratelli (Estia, Demetra, Era, Ade e Poseidone). Fu salvato, appena nato, dalla madre Rea che diede al consorte un sasso avvolto da delle fasce che Kronos ingoiò al posto del figlio. Rea affidò Zeus a Teti, che lo nascose in una grotta e lo fece allevare dalla capra Amaltea (che immortalò nella costellazione del capricorno). E' dio della luce e del cielo luminoso, protettore dei re e custode delle eterne leggi dell'universo e di tutto ciò che è sacro. Il suo simbolo è il fulmine che scaglia quando vuole punire qualcuno. Numerose furono le amanti di Zeus e i figli che da esse ebbe. Da Era, Zeus ebbe Efesto ed Ares, Ilizia ed Ebe. Con Meti (la Sapienza) generò Athena-Minerva, ma prima che la madre potesse partorirla, Zeus la inghiottì e così Atena nacque dal suo capo.



Gea - Gaia/ Tellus

  

E' tra le divinità più antiche, preceduta solo dal Caos. Gea generò l'Erebo (la notte) l'Etere (il giorno), Urano (il cielo stellato), l'Oceano sconfinato e i Monti eccelsi che sfioravano le stelle. Urano divenne suo sposo e da lui ebbe i Titani (Oceano, Ceo, Crio, Iperione, Giapeto e Crono) e le Titanesse (Tia, Rea, Temi, Mnemosine, Febe e Teti), tre Ciclopi (Sterope, Arge e Bronte) e tre Ecantochiri (Briareo, Gia e Cotto). Ogni notte Urano si univa a Gea, ma i figli, malvisti dal padre, venivano nascosti all'interno del corpo di Gea. Gea, angosciata ed oppressa dal troppo fardello, estrasse dalle proprie viscere l'argento per costruire un falcetto con cui Kronos (l'ultimo nato tra i titani) accetta di evirare il padre. Il sangue che fuoriesce dalla ferita feconda per l'ultima volta Gea e nascono così le Erinni, i Giganti e le Ninfe. Il membro di Urano, gettato nel mare da Kronos, genera Afrodite.



Afrodite - Venere

  

Figlia di Zeus e di Dione (oppure nata dalla spuma del mare su cui era cascato il fallo di Urano) è dea dell'amore e della bellezza. Nessuno riusciva a resistere al suo fascino, e per questa ragione era molto osteggiata da Era-Giunone ed Athena-Minerva. Venerata sotto diversi nomi (Pandemia, Urania, Anadiomene, Cipria, Idalia, Onidia, Citerea) era moglie di Efesto-Vulcano, ed aveva vari amanti, tra i quali figurano Ares ed Adone. Tra i suoi figli ricordiamo Imene, dio delle nozze.



Helios - Sole

  

Figlio di due titani, Iperione e Tia, fratello di Eos (Aurora) e di Selene (Luna) era la personificazione del Sole. Sorgeva ad oriente dall'Oceano, su un carro dorato con cavalli che soffiavano fuoco dalle narici, ed attraversava l'intera volta celeste fino a occidente; in tal modo poteva osservare tutti gli avvenimenti del mondo.    



Hermes - Mercurio

  

Figlio di Zeus e di Maia (una delle Pleiadi, simbolo della primavera), appena nato fuggì dalle fasce rubando 50 giovenche dalle mandrie di Apollo, il quale - scovato il ladruncolo - volle punirlo, ma sentendolo suonare la lira, lo perdonò e gli regalò le giovenche purché gli desse lo strumento. Zeus lo fece araldo degli dèi e gli affidò l'incarico di condurre i morti nell'Ade (da cui il nome Psicopompos = portatore di anime), aveva le ali ai piedi e sul cappello - il pètaso - e con la destra reggeva il caducèo , una verga sottile e diritta con due serpi attorcigliati. Prudenza, furbizia, capacità di persuasione sono i suoi attributi. Inventò la lira, la siringa pastorale, le lettere, le cifre, i riti religiosi. Era il dio delle invenzioni, del commercio, dei viaggi, degli inganni, dei ladri, degli oratori, delle strade, dei pascoli, ed era anche il dio dei Sogni.



Poseidon - Nettuno

  

Fratello di Zeus, tornò alla luce dalle fauci di Kronos. Dopo che gli dèi olimpici vinsero i Titani, a lui toccò la signoria delle acque e del mare, nelle cui profondità viveva con la sposa Anfitrite in un meraviglioso palazzo tutto d'oro. Suo figlio Tritone, metà uomo e metà pesce, lo seguiva sempre nei suoi viaggi, insieme ad uno stuolo di delfini, Nereidi (ninfe del mare) ed altri tritoni. Col suo tridente Nettuno scatenava tempeste in acqua e terremoti sulla terra (Enosigéo = scuotitore di terra).



Urano - Urano

  

Il suo nome significa "Cielo stellato", in Esiodo compare come il primo re dell'Universo, consorte di Gea. Ebbe con lei moltissimi figli che però nascondeva all'interno della Terra non appena venivano alla luce. Venne poi spodestato dal figlio Kronos che gli tagliò i testicoli con un falcetto datole da sua madre.

 

 

Torna in cima

Scienze Noetiche Synthesis - Percorso di Risveglio


Cibi crudi Giardino dei Libri




Enciclopedia dei Simboli
Astrologia, cabala, alchimia, emblemi araldici, divinità : la ricerca perenne dei significati nascosti
Hans Biedermann
Garzanti Edizioni

 

 

Dizionario dei Simboli,
dei Miti e delle Credenze

Da Abracadabra a Zeus 1000 simboli e concetti spiegati attraverso la mitologia, l'esoterismo, la religione e la psicologia
Corinne Morel
Giunti Edizioni


 

 

Dizionario dei Simboli
Dizionario dei Simboli Miti, sogni, costumi, gesti, forme, figure, colori, numeri
Jean Chevalier - Alain Gheerbrant
Bur Rizzoli


 

 



Simboli della Scienza Sacra
La coppa del Graal e la Lingua degli Uccelli, il loto e la rosa, lo Zodiaco e il Polo, la montagna e la caverna, la cupola e la ruota, l'Albero del Mondo e l'Albero della Vita, il ponte e i nodi, il cuore e il granello di senape, la Tetraktys e la bevanda dell'immortalità, l'uovo del Mondo e molti altri...
René Guénon
Adelphi Edizioni






Vai al percorso Synthesis Online


Corso sulla Comunicazione

Esoterismo e Iniziazione
31 Agosto 2014